Alcuni amici mi hanno chiesto di condividere i miei pensieri sulle inoculazioni contro il COVID, così ho pensato che fosse il momento di scrivere un articolo sull’argomento.

Sapendo quanto sia controverso questo problema, una parte di me preferirebbe scrivere di altro. Ma credo che la discussione (e le notizie) sia così unilaterale che ho il dovere di parlare.

Come mi sforzo sempre di fare, prometto che farò del mio meglio per rimanere equilibrato e esente da isterismi.

Non sono qui per litigare con nessuno, ma solo per presentarvi alcune delle cose che ho letto, i miei dubbi irrisolti e spiegare perché non riesco a dare un senso a questi vaccini COVID.

Tre regole di base per la discussione:

Se vi interessa discutere su questo argomento con me, ottimo. Ecco le regole. Sono più che felice di corrispondere con voi se:

  • Siete rispettosi e mi trattate come vorreste essere trattati voi stessi.
  • Fate delle domande veramente ponderate su ciò che ha senso per voi.
  • Esprimete le vostre convinzioni usando una logica solida e senza nascondervi dietro a qualche link o alla parola “scienza”.

Se rispondete ma trasgredite una qualsiasi di queste regole, i vostri commenti saranno ignorati/cancellati.

Stabilito quanto sopra, lasciatemi dire questo: non pretendo di sapere tutto, ma finora nessuno è stato in grado di rispondere alle obiezioni che seguono. Ecco le ragioni per cui non voglio fare la vaccinazione COVID:

1. I produttori di vaccini sono immuni da responsabilità

L’unica industria al mondo che non ha responsabilità per i danni alla salute o le morti risultanti dai loro prodotti sono i produttori di vaccini.

Come stabilito per la prima volta nel 1986 con la legge nazionale sui danni da vaccini per l’infanzia (National Childhood Vaccine Injury Act), e rafforzato dalla legge sulla pubblica prontezza e preparazione alle emergenze (Public Readiness and Emergency Preparedness (PREP) Act), i produttori di vaccini non possono essere citati in giudizio – anche se si dimostra la loro negligenza.

I produttori di vaccini COVID sono autorizzati a creare un prodotto “a taglia unica” , senza averlo sperimentato su sottopopolazioni (cioè persone con condizioni di salute specifiche), e tuttavia non sono disposti ad accettare alcuna responsabilità per eventuali eventi avversi o decessi causati dai loro prodotti.

Se un’azienda non è disposta a garantire la sicurezza di un suo prodotto, specialmente se è stato immesso sul mercato in fretta, io non sono disposto a correre il rischio posto dall’assunzione di quel prodotto.

Nessuna responsabilità. Nessuna fiducia. Ecco perché …

2. Il passato non proprio immacolato delle aziende di vaccini

Le quattro grandi aziende che stanno facendo i vaccini COVID…

Moderna ha cercato di“Modernizzare il nostro RNA” (da cui il nome dell’azienda) per anni, ma non era mai riuscita ad immettere alcun prodotto sul mercato. Che bello per l’azienda ottenere un’importante infusione di denaro dal governo per continuare a provarci.

Infatti, in passato, tutti i principali produttori di vaccini (tranne Moderna) hanno pagato decine di miliardi di dollari di danni per altri prodotti che hanno introdotto sul mercato quando sapevano che questi prodotti avrebbero causato danni alla salute e decessi – vedi Vioxx, Bextra, Celebrex, Thalidomide e gli oppioidi come esempi.

Se le compagnie farmaceutiche scelgono intenzionalmente di mettere sul mercato dei prodotti dannosi – quando possono essere citate in giudizio – perché dovremmo fidarci di prodotti per cui non hanno alcuna responsabilità?

Tre dei quattro produttori di vaccini COVID sono stati citati in giudizio per prodotti che hanno immesso sul mercato pur sapendo che ne sarebbero derivati danni alla salute e decessi.

Considerato lo scudo dalle responsabilità e il passato poco pulito di queste aziende, perché dovremmo presumere che tutti i loro vaccini siano sicuri e fatti completamente secondo le regole?

In quale altra situazione della vita potremmo fidarci di qualcuno con una reputazione del genere?

Per me questo equivale ad aspettarsi che un amante infedele, violento e senza scrupoli diventi una persona diversa solo perché un giudice ha detto che in fondo è una brava persona.

No. Non mi fido di loro. Nessuna responsabilità. Nessuna fiducia. Ecco un’altra ragione per cui non mi fido di loro…

3. Brutta storia di tentativi di fare vaccini contro i coronavirus

Ci sono stati molti tentativi di fare vaccini virali in passato che sono finiti in un totale fallimento – ed è per questo non avevamo alcun vaccino contro il coronavirus nel 2020.

Negli anni ’60, gli scienziati tentarono di fare un vaccino RSV(virus respiratorio sinciziale) per i bambini. In quello studio, i test sugli animali furono saltati perché allora non erano richiesti.

Alla fine, i bambini vaccinati si ammalarono molto più dei bambini non vaccinati una volta esposti al virus in natura, con l’80% dei bambini vaccinati che dovettero essere ricoverati in ospedale. Due di loro sono morti.

Dopo il 2000, gli scienziati hanno fatto molti tentativi di creare dei vaccini contro i coronavirus. Negli ultimi 20 anni, sono tutti andati male perché gli animali negli studi clinici si ammalavano in modo molto grave e molti di loro morivano, proprio come i bambini negli anni ’60.

Potete leggere un riassunto di questa esperienza scientifica qui. O se volete leggere i singoli studi potete controllare questi link:

  • Nel 2004, un tentativo di vaccino ha prodotto l’epatite nei furetti.
  • Nel 2005, i topi e gli zibetti della sperimentazione si sono ammalati e sono diventati più suscettibili ai coronavirus dopo essere stati vaccinati.
  • Nel 2012, i furetti si sono ammalati e sono morti. E in questo studio, topi e furetti hanno sviluppato una malattia polmonare.
  • Nel 2016, questo studio ha prodotto anche una malattia polmonare nei topi.

Il modello tipico negli studi di cui sopra è che i bambini e gli animali producevano delle bellissime risposte anticorpali dopo essere stati vaccinati. I produttori pensavano di aver fatto centro.

Il problema è venuto quando i bambini e gli animali sono stati esposti alla versione selvaggia del virus.

Quando ciò accadeva, si verificava un fenomeno inspiegabile chiamato meccanismo del potenziamento mediato da anticorpi (antibody dependent enhancement, ADE), noto anche come malattia potenziata dal vaccino (vaccine enhanced disease), in cui il sistema immunitario produceva una“tempesta di citochine” (cioè attaccava prepotentemente il corpo) e i bambini/animali morivano.

Ecco il problema persistente: i produttori di vaccini non hanno dati che suggeriscano che i loro attuali vaccini prodotti in tempi record abbiano risolto questo problema.

In altre parole, nessun tentativo di fare un vaccino contro il coronavirus ha mai avuto successo, né sono mai stati immessi sul mercato in modo sicuro dei “vaccini” fatti usando la tecnologia di terapia genica mRNA.

Potremmo supporre che, poiché le aziende hanno ricevuto miliardi di dollari di finanziamenti governativi, abbiano per forza dovuto risolvere questo problema.

Solo che le aziende non lo sanno nemmeno loro…

4. I “dati lacunosi” presentati alla FDA dai produttori di vaccini

Quando i produttori di vaccini hanno presentato i loro documenti alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti per l’autorizzazione d’emergenza (Emergency Use Authorization) (che non è lo stesso che un’approvazione completa da parte dell’FDA), tra le molte “lacune nei dati” portati c’era il fatto che nelle loro sperimentazioni non c’è niente che suggerisca che sia stato risolto quel fastidioso problema della malattia potenziata dal vaccino.

I produttori semplicemente non sanno se anche i vaccini che hanno fatto produrranno la stessa tempesta di citochine (e morti) dei precedenti tentativi di simili prodotti.

Come sottolinea il Dr. Joseph Mercola …

“I tentativi precedenti di sviluppare un farmaco basato sull’mRNA usando nanoparticelle lipidiche sono falliti e hanno dovuto essere abbandonati perché quando la dose era troppo bassa, il farmaco non aveva effetto, e quando era troppo alta, il farmaco diventava troppo tossico. Una domanda ovvia è: cosa è cambiato che ora rende questa tecnologia abbastanza sicura per un uso di massa?

Se questo non è abbastanza allarmante, ecco altre lacune nei dati – in altre parole, non ci sono dati che suggeriscano sicurezza o efficacia per quanto riguarda:

  • Chiunque abbia meno di 18 anni o più di 55 anni;
  • Donne incinte o in allattamento;
  • Condizioni autoimmuni;
  • Individui immunocompromessi;
  • Nessun dato sulla trasmissione della malattia COVID;
  • Nessun dato sulla prevenzione della mortalità dalla malattia COVID;
  • Nessun dato sulla durata della protezione dalla malattia COVID.

Nel caso in cui pensiate che mi stia inventando tutto, o vogliate vedere i documenti reali inviati alla FDA da Pfizer e Moderna per la loro autorizzazione d’emergenza (Emergency Use Authorization), potete controllare rispettivamente questo o questo. Le lacune nei dati possono essere trovate a partire da pagina 46 e 48 rispettivamente.

Per ora volgiamo lo sguardo ai dati grezzi che i produttori di vaccini hanno usato nella domanda per l’autorizzazione all’uso di emergenza…

5. Nessun accesso ai dati grezzi delle sperimentazioni

Vorreste vedere i dati grezzi che hanno prodotto la presunta “efficacia del “90% e 95%” annunciata nelle notizie?

Anch’io. Ma le aziende non ci fanno vedere quei dati.

Come sottolineato nel BMJ, c’è qualcosa di sospetto nelle dichiarazioni di efficacia di Pfizer e Moderna. Ci sono stati “3.410 casi totali sospetti, ma non confermati COVID-19 nella popolazione complessiva dello studio, 1.594 si sono verificati nel gruppo del vaccino contro 1.816 nel gruppo placebo”.

Aspetta… come sarebbe? Non hanno applicato la scienza nel loro studio scientifico, non hanno verificato una variabile importante?

Non potevano testare quei casi “sospetti ma non confermati” per scoprire se avevano il COVID? Perché non testare tutti i 3.410 partecipanti in nome della precisione?

Possiamo anche solo immaginare che non abbiano fatto questa verifica perché farla avrebbe messo a repentaglio il presunto “90-95% di efficacia”?

Non sarebbe prudente per l’FDA aspettarsi (esigere) che i produttori di vaccini sottopongano a dei test le persone che hanno “sintomi simili alla COVID”, e che rilascino i loro dati grezzi in modo che terzi indipendenti possano esaminare in che modo i produttori hanno giustificato i numeri?

Stiamo solo cercando di imporre questi prodotti sperimentali ad ogni singolo cittadino del mondo – perché l’FDA non ha fatto queste richieste? Non è forse a questo scopo che esiste l’FDA?

Bella domanda. Volpi a guardia del pollaio? Nessuna responsabilità. Nessuna fiducia.

6. Nessun test di sicurezza a lungo termine

Con prodotti che sono sul mercato solo da pochi mesi, non abbiamo dati sulla sicurezza a lungo termine.

In altre parole, non abbiamo idea di cosa farà questo prodotto nel corpo tra mesi o anni – per nessuna popolazione.

Dati tutti i rischi di cui sopra (rischi che tutti i prodotti farmaceutici hanno), non sarebbe prudente aspettare per vedere se gli scenari peggiori sono stati effettivamente evitati?

Non avrebbe senso voler colmare queste fastidiose “lacune di dati” prima di provare a dare questo farmaco ad ogni uomo, donna e bambino del pianeta?

Questo avrebbe senso. Ma per avere quei dati, hanno bisogno di testarli sulla gente, il che mi porta al mio prossimo punto…

7. Nessun consenso informato

Quello che la maggior parte di chi sta prendendo il vaccino non sa è che, poiché questi prodotti sono ancora in fase di sperimentazione clinica, chiunque accetti l’iniezione è ora parte della sperimentazione clinica – parte dell’esperimento.

Quelli (come me) che non lo accettano, fanno parte del gruppo di controllo. Il tempo ci dirà come funziona questo esperimento.

Ma, vi chiederete, se i vaccini stanno causando danni, perché non lo vediamo in tutti i notiziari? Sicuramente l’FDA interverrebbe e sospenderebbe la distribuzione? (Nota del redattore: i funzionari sanitari federali martedì hanno sospeso il vaccino Johnsons & Johnson per possibili collegamenti causali alle trombosi).

Se il Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS) – il sistema gestito dal governo per la segnalazione di decessi e danni alla salute dopo i vaccini – funzionasse, forse le cose andrebbero diversamente, ma …

8. Segnalazioni inadeguate di reazioni avverse e decessi

Secondo uno studio di Harvard (commissionato dal nostro stesso governo), meno dell’1% di tutte le reazioni avverse ai vaccini sono effettivamente segnalate al VAERS.

Mentre i problemi del VAERS non sono stati risolti (come si può leggere in questa lettera al CDC), al momento in cui scriviamo questo articolo, VAERS riporta oltre 2.200 morti per gli attuali vaccini COVID, così come quasi 60.000 reazioni avverse.

Se questi numeri rappresentano solo l’1% del totale delle reazioni avverse (o lo 0,8% al 2% di quello che ha trovato questo studio pubblicato recentemente nel JAMA ), si può fare il conto – ma questo equivale all’incirca a 110.000-220.000 morti a causa dei vaccini fino ad oggi, e a un numero esorbitante di reazioni avverse.

Scommetto che non l’avete visto al telegiornale.

Questo numero di morti sarebbe attualmente ancora inferiore ai 424.000 decessi annuali per errori medici (neanche a proposito di questi probabilmente avete sentito parlare), ma non siamo ancora nemmeno a sei mesi dal lancio di questi vaccini.

Se volete investigare più a fondo i problemi del sistema di segnalazione VAERS, potete controllare questo o questo.

Ma poi c’è il mio prossimo punto, che, si potrebbe sostenere, fa apparire questi vaccini COVID inutili …

9. I vaccini non fermano la trasmissione o l’infezione

Questi vaccini non dovrebbero essere ciò che aspettavamo per “tornare alla normalità”? No.

Perché pensate che stiamo ricevendo tutti questi messaggi contraddittori sulla necessità di praticare il distanziamento sociale e indossare mascherine dopo la vaccinazione? La ragione è che questi vaccini non hanno mai avuto lo scopo di fermare la trasmissione o l’infezione.

Se non mi credete, vi rimando di nuovo ai documenti presentati alla FDA che ho linkato sopra e che mostrano che lo scopo primario (ciò che i vaccini devono realizzare) è di attenuare i sintomi.

Ricorda un po’ tutti gli altri farmaci sul mercato, vero? Proprio così… l’attenuamento dei sintomi è la grande ricompensa che aspettavamo. C’è qualcun altro, oltre a me, a cui questo sembra del tutto inutile?

  • Il vaccino non può impedirci di diffondere il virus.
  • Non può impedire che il virus ci infetti una volta vaccinati.
  • Vaccinarsi significa accettare tutti i rischi di questi prodotti sperimentali quando nella migliore delle ipotesi il vaccino può solo attenuare i sintomi?

Per attenuare i miei sintomi posso fare molte altre cose che non implicano l’assunzione di un prodotto che sembra essere davvero rischioso.

Ora la prossima domanda logica: se siamo preoccupati della diffusione causata dagli asintomatici, il vaccino non renderebbe più probabile la creazione di una diffusione asintomatica?

Se effettivamente riduce i sintomi, chiunque sia vaccinato potrebbe anche non sapere di essere malato e quindi avere più probabilità di diffondere il virus, vero?

Per quello che vale, ho sentito molte persone dire che gli effetti collaterali del vaccino (specialmente la seconda dose) sono peggio che prendere la COVID.

Non riesco a dare un senso neanche a questo.

Correte dei rischi. Non ottenete alcuna protezione. Soffrite per gli effetti collaterali del vaccino. Continuate a indossare la mascherina e a mantenere le distanze… e lo stesso potete diffondere il virus.

C’è di peggio…

10. La gente prende la COVID dopo essere stata completamente vaccinata

Se parliamo di fregature. Ci si vaccina e si prende lo stesso la COVID.

In realtà, questo fenomeno sta probabilmente accadendo ovunque, questi sono quelli che fanno notizia per il momento.

Date le ragioni di cui sopra (e quanto scritto sotto), forse questo non vi sorprende, ma che delusione se pensavate che il vaccino fosse uno scudo per tenervi al sicuro.

Non lo è. Non è mai stato questo il punto.

Se il 66% degli operatori sanitari di Los Angeles sta per ritardare o saltare il vaccino… forse neanche loro sono entusiasti della scienza affrettata.

Forse stanno osservando il modo losco in cui le morti e i casi vengono riportati…

11. Tasso complessivo di morte per COVID

Secondo i numeri dello stesso CDC, la COVID ha un tasso di sopravvivenza del 99,74%.

Perché dovrei correre un rischio con un prodotto che non ferma l’infezione o la trasmissione, per aiutarmi a superare un raffreddore che ha lo 0,26% di possibilità di uccidermi – in realtà nella mia fascia di età ha circa lo 0,1% di possibilità di uccidermi (e lo 0,01% di possibilità di uccidere i miei figli).

Con una barra (tasso di mortalità) così bassa, saremo in isolamento ogni anno… cioè, per sempre.

Ma aspetta, e gli oltre 500.000 morti, non è forse allarmante? Sono contento che tu l’abbia chiesto…

12. Numeri di decessi per COVID gonfiati

C’è qualcosa di veramente sospetto su questo punto. Mai prima d’ora nella storia dei certificati di morte il nostro stesso governo ha cambiato il modo in cui i decessi vengono riportati.

Perché ora, stiamo riportando tutti quelli che muoiono con il virus nel loro corpo, come se fossero morti di COVID, piuttosto che per le co-morbidità che li hanno effettivamente uccisi?

Fino alla COVID, tutti i coronavirus (raffreddori comuni) non sono mai stati elencati come causa primaria di morte quando qualcuno moriva di malattie cardiache, cancro, diabete, condizioni auto-immuni o qualsiasi altra comorbidità importante.

La malattia era elencata come causa di morte, e un fattore di confondimento come l’influenza o la polmonite era elencato su una linea separata.

Per gonfiare ancora di più il numero, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il CDC hanno cambiato le loro linee guida in modo tale che le mortisospette o probabili (senza averne mai avuta conferma) di COVID, sono anch’esse incluse nel numero di morti.

Se proprio vogliamo fare questo, allora non dovremmo tornare indietro e cambiare i numeri di tutte le passate stagioni del raffreddore e dell’influenza in modo da poter confrontare malattie identiche quando si tratta di tassi di mortalità?

Secondo i numeri dello stesso CDC, (scorrere fino alla sezione “comorbidità e altre condizioni”), solo il 6% dei decessi attribuiti alla COVID sono casi in cui la COVID sembra essere l’unico problema in questione.

In altre parole, riducete il numero di morti che vedete al telegiornale del 94% e avrete quello che probabilmente è il numero reale di morti per la sola malattia COVID.

Anche ammettendo che l’ex direttore del CDC abbia ragione e il COVID-19 fosse un virus potenziato in laboratorio (vedi Motivo #14 sotto), un tasso di mortalità dello 0,26% è ancora in linea con il tasso di mortalità virale che circola sul pianeta ogni anno.

Poi c’è Fauci. Mi piacerebbe molto potermi fidare di lui, ma oltre al fatto che non ha curato un solo paziente COVID, probabilmente dovreste sapere …

13. Fauci e altri al NIAID possiedono brevetti del vaccino Moderna

Grazie alla legge Bayh-Dole (Bayh-Dole Act), gli impiegati del governo sono autorizzati a depositare brevetti su qualsiasi ricerca facciano utilizzando i soldi dei contribuenti.

Tony Fauci possiede più di 1.000 brevetti (vedi questo video per maggiori dettagli), compresi i brevetti utilizzati per il vaccino Moderna … per il quale egli stesso ha approvato il finanziamento governativo.

Infatti, l’Istituto nazionale della sanità (National Institutes of Health, NIH) – che supervisiona l’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive (National Institute of Allergy and Infectious Diseases, NIAID), di cui Fauci è direttore – rivendica la proprietà congiunta del vaccino Moderna.

Nessun altro vede in questo un enorme conflitto di interessi, se non addirittura qualcosa di criminale?

Dico criminale perché c’è anche questo fastidioso problema che mi rende ancora più diffidente di Fauci, del NIAD e del NIH in generale…

14. Fauci è implicato nella ricerca illegale sul gain-of-function

Cos’è la ricerca“gain-of-function” (guadagno di funzione)? È quando gli scienziati tentano di far guadagnare funzioni ai virus, cioè di renderli più trasmissibili e più letali.

Non suona tanto etico, vero? A cosa potrebbe servire una cosa del genere?

Il nostro governo era d’accordo nel non voler fare queste ricerche, e nel 2014 ne ha vietata la pratica.

Quindi cosa ha fatto il NIAID guidato da Fauci? Per aggirare le restrizioni ha esternalizzato la ricerca sul gain-of-function (nei coronavirus, nientemeno) alla Cina – per una sovvenzione di 600.000 dollari.

Signor Fauci, lei ha delle spiegazioni da dare… e spero che le telecamere la riprenderanno quando dovrà difendere le sue azioni.

Per ora, riportiamo la nostra attenzione sul virus…

15. Il virus continua a mutare

Non solo il virus (come tutti i virus) continua a mutare, ma secondo lo studioso creatore di vaccini di fama mondiale Geert Vanden Bossche (che incontrerete di seguito se non lo conoscete) muta continuamente ogni 10 ore circa.

Come potremo mai creare vaccini sempre aggiornati che riescano a tenere il passo con questo livello di mutazione? Non possiamo.

Questo potrebbe anche spiegare perché le persone completamente vaccinate continuano a prendere la COVID?

Perché, dato che l’immunità naturale in fin dei conti non ha mai deluso l’umanità, improvvisamente non ci fidiamo?

Perché, se faccio domande come quelle di cui sopra, o pubblico link come quello che trovate sopra, i miei scritti sono cancellati da tutte le principali piattaforme di social media?

Questo mi porta al prossimo problema preoccupante che ho con questi vaccini…

16. La censura e la completa assenza di dibattito scientifico

Su questo punto non posso non essere sarcastico, quindi abbiate pazienza.

Vi sono piaciuti tutti quei rigorosi dibattiti televisivi a livello nazionale e mondiale, organizzati da funzionari della sanità pubblica e trasmessi simultaneamente su tutti principali canali che danno notizie?

Non è stato fantastico ascoltare le migliori menti di medicina, virologia, epidemiologia, economia e vaccinologia, di tutto il mondo mentre discutevano vigorosamente e rispettosamente di cose come:

  • Lockdown
  • Indossare mascherine
  • Distanziamento sociale
  • Sperimentazione sull’ efficacia e sicurezza dei vaccini
  • Come fare lo screening della suscettibilità ai danni da vaccino
  • Cure (cioè opzioni di trattamento non vaccinale)

Non è stato bello vedere i funzionari della sanità pubblica (che non hanno mai curato nessuno con COVID) mettere in discussione la loro “scienza”?

Non è stato bello vedere i rappresentanti dell’FDA fare il terzo grado pubblicamente ai produttori di vaccini in prima serata, mentre si trovavano a dover rispondere a domande difficili su prodotti di cui non hanno alcuna responsabilità?

Oh, aspetta un attimo… non hai visto quei dibattiti? No, non li hai visti. Perché non ci sono mai stati.

Quello che è successo invece è stata una pesante censura di tutte le narrazioni tranne una.

Mark Zuckerberg può mettere in dubbio la sicurezza dei vaccini, ma io no? Quando è successo che il Primo Emendamento è diventato un suggerimento?

È il PRIMO Emendamento, Mark – quello che i nostri fondatori pensavano fosse il più importante.

Con così tanto in gioco, perché ci viene data solo una narrazione? Non dovrebbero essere ascoltati molti punti di vista e discussi in modo professionale?

Cosa è successo alla scienza?

Che cosa è successo al metodo scientifico di mettere sempre alla prova le nostre ipotesi?

Che cosa è successo al dibattito vivace in questo paese (Ndt: gli Stati Uniti), o almeno nella società occidentale?

Perché chiunque sia in disaccordo con l’OMS o il CDC viene censurato così pesantemente?

La scienza della salute pubblica è ormai una religione ? La scienza non dovrebbe riguardare diverse ipotesi?

Se qualcuno dice “la scienza è stata stabilita”, per me è un’indicazione che ho a che fare con qualcuno che ha la mente chiusa. Per definizione la scienza (specialmente quella biologica) non è mai stabilita.

Se lo fosse, sarebbe un dogma, non una scienza.

Io voglio essere un buon cittadino. Lo dico sul serio.

Se i lockdown funzionano, voglio fare la mia parte e restare a casa.

Se le mascherine funzionano, le voglio portare.

Se il distanziamento sociale è efficace, voglio conformarmi.

Ma, se ci sono prove che non è così (per le mascherine per esempio), voglio sentire anche queste prove.

Se degli scienziati altamente accreditati hanno opinioni diverse, voglio sapere cosa pensano. Voglio avere la possibilità di ascoltare i loro argomenti e farmi una mia idea.

Non penso di essere la persona più intelligente del mondo, ma penso di saper pensare. Forse sono strano, ma se qualcuno viene censurato, allora voglio davvero sentire cosa pensa. Tu no?

A tutti i miei amici che non credono che la censura sia un problema, sarete dello stesso parere quando ciò che pensate sarà censurato?

La censura non è forse la tecnica dei dittatori, dei tiranni e degli avidi assetati di potere?

Non è forse un segno che chi sta applicando la censura sa che è l’unico modo in cui può vincere?

E se un uomo che ha passato tutta la vita a sviluppare vaccini fosse disposto a mettere in gioco la propria reputazione e a chiedere a tutti i leader mondiali di fermare immediatamente i vaccini COVID a causa di problemi con la scienza?

E se chiedesse un dibattito scientifico aperto su un palcoscenico globale?

Vorreste ascoltare quello che ha da dire? Vorreste assistere al dibattito che chiede?

17. Il principale vaccinologo del mondo lancia l’allarme

Ed ecco quello che per me è forse il motivo più grande per cui questo vaccino COVID non ha senso.

Quando qualcuno che è molto favorevole ai vaccini, che ha passato tutta la sua carriera professionale a supervisionare lo sviluppo dei vaccini, grida dalla cima della montagna che abbiamo un grosso problema, penso che quell’uomo andrebbe ascoltato.

Nel caso ve lo siate perso, e nel caso vi interessi guardarlo, ecco Geert Vanden Bosscheche lo spiega:

  • Perché il vaccino COVID può mettere così tanta pressione sul virus che stiamo accelerando la sua capacità di mutare e diventare più mortale.
  • Perché i vaccini COVID possono creare virus resistenti ai vaccini (simili ai batteri resistenti agli antibiotici).
  • Perché, a causa dei problemi precedenti di potenziamento dipendente dagli anticorpi, potremmo trovarci di fronte a innumerevoli decessi nei prossimi mesi/anni.

Se volete vedere/leggere una seconda, e più lunga, intervista con Vanden Bossche, dove gli sono state poste alcune domande difficili, potete controllare questo.

Se la metà di quello che dice dovesse avverarsi, questi vaccini potrebbero essere la peggiore invenzione di tutti i tempi.

Se non vi piace la sua scienza, prendetevela con lui.

io sono solo il messaggero.

Ma posso anche parlare di COVID a livello personale …

18. Ho già avuto la malattia COVID

Non è stato divertente. È stato un brutto raffreddore, durato due giorni:

  • Dolori incessanti al fondo schiena
  • Pochissima energia
  • Febbre bassa

Era strano non sentire alcun odore per un paio di giorni. Una settimana dopo, il caffè aveva ancora un sapore un po’ “strano”.

Ma sono sopravvissuto.

Ora sembra (come è sempre stato) che ho una bella immunità naturale che dura tutta la vita – non qualcosa che può svanire in pochi mesi se mi vaccino. Nel mio corpo, e nella mia casa, la COVID è finita.

Infatti ci sono prove che il vaccino COVID potrebbe essere più pericoloso per me proprio perché ho avuto la malattia.

Questo non è un rischio che sono disposto a correre.

In sintesi

Queste sono solo le mie ragioni per non volere il vaccino. Forse le mie ragioni hanno senso per voi, forse no.

Qualunque cosa abbia senso per te, speriamo di poter essere ancora amici.

Per quanto mi riguarda, penso che abbiamo molto più in comune di quello che ci separa.

  • Tutti vogliamo vivere in un mondo di libertà.
  • Tutti vogliamo fare la nostra parte per aiutare gli altri e per vivere bene.
  • Tutti vogliamo il diritto di esprimere le nostre opinioni senza temere di essere censurati o attaccati ferocemente.
  • Tutti noi meritiamo di avere accesso a tutti i fatti per poter prendere decisioni informate.

Che siate d’accordo o meno con me, non vi tratterò diversamente.

Sei un essere umano che merita amore e rispetto come chiunque altro. Per questo vi saluto e vi auguro veramente tutto il meglio.

Spero che questo vi sia stato utile. Se è così, sentitevi liberi di condividere.

In caso contrario, sentitevi liberi di (gentilmente) farmi sapere, nei commenti qui sotto, cosa non ha senso per voi.

Originariamente pubblicato da TRUE Whole Human.