Close menu
Marzo 19, 2024 Big Chemical News

Condizioni di Salute

Proprio come l’industria farmaceutica? La Bayer preme per ottenere uno scudo dalla responsabilità dopo che tante giurie si sono schierate a favore delle persone danneggiate dai pesticidi

Dopo che una serie di azioni legali in cui si accusava il Roundup di causare il cancro ha portato a sentenze molto costose contro la Bayer, l’azienda sta facendo pressioni sulle legislature statali per proteggersi da future azioni legali e per annullare almeno alcune delle 50.000 richieste di risarcimento attualmente in corso, secondo quanto riportato da New Republic.

liability definition with bayer sign on top

Nel 2018, il gigante farmaceutico tedesco Bayer ha acquisito la Monsanto, che produce il controverso pesticida Roundup, in un accordo da 63 miliardi di dollari interamente in contanti, descritto all’epoca come una “importante pietra miliare verso la visione di creare un’azienda agricola leader”.

Ora, dopo che una serie di azioni legali in cui si accusava il Roundup di causare il cancro ha portato a sentenze molto costose contro la Bayer, l’azienda “sta facendo pressioni sulle legislature statali per proteggersi da future azioni legali e per annullare almeno alcune delle 50.000 richieste di risarcimento attualmente in corso”, secondo quanto riportato da New Republic.

La legislazione, se approvata, proteggerebbe i prodotti pericolosi che rappresentano una minaccia per la salute pubblica, hanno dichiarato i critici a The Defender.

“La spinta della Bayer/Monsanto per ottenere l’immunità legale è un chiaro promemoria del crescente abisso tra gli interessi aziendali e la salute pubblica”, ha dichiarato il Dr. James Lyons-Weiler, presidente e CEO dell’Institute for Pure and Applied Knowledge.

“Questo tentativo di eludere la responsabilità non solo mette in pericolo la nostra salute e l’ambiente, ma erode anche il tessuto stesso della giustizia. È un precedente pericoloso che privilegia il profitto rispetto alle persone e al pianeta”, ha aggiunto Lyons-Weiler.

Scott C. Tips, presidente della National Health Federation (NHF), ha dichiarato a The Defender di essere “disgustato” dagli sforzi legislativi della Bayer. “Per chiunque utilizzare il sistema politico o normativo per un guadagno monetario personale a spese della salute dei consumatori è più che semplicemente immorale, è malvagio”.

Scrivendo per l’NHF, Tips ha affermato che la Bayer è stata esposta a richieste legali perché non gode dello scudi dalla responsabilità che protegge invece i produttori di vaccini da richieste simili.

“Senza il riparo dalla responsabilità che il National Childhood Vaccine Injury Act del 1986 offre ai produttori di vaccini, le grandi aziende agricole come la Monsanto (ora Bayer), che hanno letteralmente sparso i veleni del glifosato in lungo e in largo per il mondo, hanno dovuto continuamente guardarsi le spalle nel timore di un’azione legale”, ha scritto.

“Il lato B della libertà è la responsabilità”, ha detto Tips. “Se un’azienda non è in grado di gestire la responsabilità per i danni causati dai suoi prodotti o servizi, allora non dovrebbe nemmeno essere in attività”.

Il giornalista Carey Gillam, che nel 2017 ha scritto un libro sulla corruzione della Monsanto, ha dichiarato a The Defender: “Sappiamo – sulla base di decenni di prove documentate – che le autorità di regolamentazione degli Stati Uniti sono in gran parte asservite ad aziende come Bayer e Monsanto e fanno poco per far riconoscere le responsabiltà di tali aziende quando i loro prodotti rappresentano dei pericoli per i consumatori”.

Di conseguenza, “se questo tipo di leggi venissero approvate, potrebbe diventare quasi impossibile per le persone danneggiate ottenere qualsiasi tipo di giustizia e di risarcimento”, ha dichiarato Gillam.

Nel marzo 2015 l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro ha classificato il glifosato, l’ingrediente attivo principale del Roundup, come “probabilmente cancerogeno per gli esseri umani“, portando al divieto della sostanza chimica in alcuni Paesi.

L’agenzia ha criticato le attività di lobbying della Bayer e le pressioni sulle agenzie da parte di Big Pharma e Big Agriculture, che hanno portato a regolamenti poco rigorosi che avvantaggiano queste aziende.

“La scienza che dimostra il legame tra i glicofosfati e il linfoma non-Hodgkin è convincente”, ha dichiarato la dottoressa Kat Lindley, presidente del Global Health Project e direttrice del Global COVID Summit. “Il fatto che i legislatori statali stiano pensando di consentire la protezione di questa azienda nonostante anni di ricerche mette in evidenza la corruzione dell’intero sistema, con i lobbisti al suo timone”.

Secondo The New Republic, l’azienda ha pagato più di 14 miliardi di dollari in risarcimenti e verdetti della giuria. Il prezzo delle azioni dell’azienda ha subito un duro colpo, perdendo il 70% del suo valore, con conseguenti ampie critiche pubbliche all’acquisizione della Monsanto.

La leggi impedirebbero di intentare cause per “mancata avvertenza” sui rischi per la salute

Le responsabilità legali della Bayer sono iniziate subito dopo l’acquisto della Monsanto, quando ha ereditato i casi legali esistenti, come la causa di un custode di una scuola in California che ha dichiarato di aver sviluppato un linfoma non-Hodgkin in seguito all’esposizione al Roundup.

Due mesi dopo l’acquisizione della Monsanto, una giuria ha assegnato al custode 289 milioni di dollari.

Da allora, hanno avuto successo altre cause contro la Bayer. “Nel 2020, la Bayer ha accettato un accordo di oltre 10 miliardi di dollari per circa 95.000 querelanti federali. L’anno scorso ha perso processi civili a St. Louis, San Diego e Filadelfia”, riporta The New Republic.

Secondo l’NHF, nell’ottobre 2023 una giuria di San Diego ha assegnato al querelante Mike Dennis 332 milioni di dollari di danni contro Bayer/Monsanto. Dennis ha sviluppato un linfoma non-Hodgkin dopo “decenni” di utilizzo del Roundup.

“Poi, il 26 gennaio 2024, una giuria di Filadelfia ha emesso il verdetto che ha assegnato 2,25 miliardi di dollari al querelante John McKivison, a cui era stato diagnosticato un linfoma non-Hodgkin dopo aver usato il Roundup per vent’anni”, ha scritto l’NHF.

Secondo The New Republic, “l’azienda ha ripetutamente chiesto ai tribunali d’appello, compresa la Corte Suprema, di archiviare le cause in corso, ma finora tutte le richieste sono state respinte“.

In alcuni casi, i tribunali hanno ridotto alcuni premi della giuria contro la Bayer. Nel caso della sentenza Dennis, ad esempio, la giuria ha stabilito che, sebbene la Bayer abbia omesso di fornire avvertimenti sui rischi del Roundup, il prodotto in sé non era né difettoso né l’azienda negligente”.

Di conseguenza, “l’argomento legale più efficace da usare contro l’industria dei pesticidi è stato l’incapacità dell’industria di avvertire i consumatori dei pericoli per la salute derivanti dall’uso dei suoi prodotti”, secondo l’NHF.

“Se solo l’industria dei pesticidi riuscisse a eliminare questa motivazione a far causa dai ricorsi legali, potrebbe trovare una via d’uscita dalla valanga di azioni legali e di premi schiaccianti assegnati dalla giuria”, ha aggiunto l’NHF.

La Bayer sta cercando di copiare “una pagina dal libro dei vaccini”

Sotto il peso delle continue controversie, la Bayer sta ora cercando di copiare “una pagina dal libro dei vaccini”, perseguendo una legislazione a livello statale e federale che la protegga dalle azioni legali, secondo l’NHF.

“Da gennaio sono state depositate proposte di legge per proteggere i produttori di pesticidi dalle cause legali in tre stati in cui la Bayer ha una presenza aziendale importante: Missouri (dove ha sede la Monsanto), Idaho (dove possiede una miniera di fosfati) e Iowa (dove possiede un impianto di produzione)”, riporta The New Republic.

Questo si aggiunge a una “vasta” legislazione in attesa di essere approvata dal Congresso “che non solo bloccherebbe la maggior parte delle cause legali, ma impedirebbe anche ai governi statali e locali di imporre restrizioni sull’uso dei pesticidi”, ha riportato The New Republic. Un emendamento al disegno di legge sull’agricoltura in corso di approvazione, che sarà rinnovato a settembre, fornirebbe protezioni simili.

Lo scorso autunno, più di 150 legislatori hanno firmato una lettera alla Commissione Agricoltura della Camera degli Stati Uniti, invitandola a respingere le misure di prelazione.

Ma gran parte degli sforzi della Bayer si sono concentrati sull’attività di lobbying nei confronti dei legislatori statali. Secondo The New Republic, “per prevenire qualsiasi problema, la Bayer si sta rivolgendo direttamente anche agli stati”, mentre secondo l’NHF, “i lobbisti Bayer hanno aiutato a formulare la legislazione” in attesa di varie legislature statali, che utilizzano tutte formulazioni “simili”.

In Idaho, il 24 gennaio è stato presentato il disegno di legge 1245 del Senato. È sponsorizzato dal senatore Mark Harris (Rep.-Soda Springs), una città vicina a un complesso di 800 acri della Monsanto che comprende una miniera di fosfati e un impianto di lavorazione.

Secondo l’NHF, “La proposta di legge avrebbe dato ai produttori di pesticidi l’immunità dalla responsabilità per la distribuzione e la vendita di qualsiasi pesticida approvato negli USA etichettato con etichette approvate dall’EPA. Anche se la proposta di legge non avrebbe proibito le cause basate su altri motivi, la “mancata avvertenza” è uno dei motivi più forti e più utilizzati nelle richieste legali contro la Bayer.”

Soprannominata “Legge sull’immunità dei pesticidi”, la proposta di legge è stata approvata dalla Commissione Commercio e Risorse Umane del Senato dell’Idaho il 7 febbraio, ma è stata bocciata il 15 febbraio con un voto 15-19 al Senato statale. Tuttavia, secondo The New Republic, “un’altra versione sta ancora passando attraverso la Camera dei Rappresentanti dello Stato”, la House Bill 653.

Oggi Harris ha presentato una versione modificata del disegno di legge del Senato dell’Idaho. Secondo l’Idaho Press, questa proposta di legge prevede uno “standard di prova evidente e convincente” e si applicherebbe solo ai prodotti esistenti a partire dal 1° luglio 2024.

The New Republic ha riportato che, nel sostenere la proposta di legge originale, Harris ha affermato che gli agricoltori dell’Idaho non possono permettersi di perdere “i pesticidi per l’agricoltura da cui dipendono”, che sono prodotti negli Stati Uniti e il cui divieto potrebbe portare a interruzioni della catena di approvvigionamento. Poi “ha trasferito la maggior parte del tempo a sua disposizione a James Curry, un lobbista della Bayer”.

L’attività di lobbying della Bayer in Idaho ha incluso donazioni a “legislatori chiave dello Stato, compreso lo speaker della Camera”, e frequenti inserzioni a tutta pagina sui giornali locali, secondo quanto riportato da The New Republic.

Nonostante il sostegno di Harris, “dodici dei 19 “no” sono stati espressi da repubblicani”, mentre solo i lobbisti della Bayer hanno testimoniato a favore della legge.

Una legislazione “più o meno identica” è stata proposta in Iowa e Missouri. L’NHF ha dichiarato che la proposta di egge 3163 del Senato dell’Iowa “è simile a quella dell’Idaho” ed è sponsorizzata dalla Bayer. Impedisce di intentare cause contro i produttori di pesticidi sulla base di una “mancata avvertenza”.

La commissione agricoltura del Senato dell’Iowa ha approvato il disegno di legge il 15 febbraio e il testo è arrivato al Senato dello Stato.

Il disegno di legge 2763 della Camera del Missouri “ricalca da vicino le proposte di legge dell’Idaho e dell’Iowa”, secondo l’NHF. Impedirebbe di intentare cause contro i produttori di pesticidi per quanto riguarda i prodotti che riportano “un’etichetta di pesticida approvata dall’Agenzia per la protezione dell’ambiente degli Stati Uniti” o conforme alla Legge federale sugli insetticidi, i fungicidi e i rodenticidi.

Secondo l’NHF, “al 22 febbraio 2024, il progetto di legge della Camera del Missouri aveva raggiunto solo la fase di seconda lettura”.

Daniel Hinkle, avvocato dell’American Association for Justice, ha dichiarato a The New Republic che se queste proposte di legge passeranno, la Bayer espanderà le sue attività di lobbying a “10-15 stati l’anno prossimo” ed avrà “maggiori probabilità” di far approvare una legge simile a livello federale.

Nonostante sia sostenuta dalla Bayer, la proposta di legge “avrebbe implicazioni per tutti i produttori di pesticidi”, secondo The New Republic, che ha citato l’esempio di Syngenta, un concorrente della Bayer “che sta affrontando una causa per il pesticida paraquat da parte di circa 5.300 pazienti con il morbo di Parkinson“.

Lo scudo di responsabilità può portare a un “aumento aggressivo dell’uso di pesticidi”

“Se la Bayer/Monsanto si assicura uno scudo di responsabilità, è probabile che assisteremo a un aumento aggressivo dell’uso di pesticidi, che rispecchierà il panorama dei vaccini post-1986”, ha dichiarato Lyons-Weiler. “Non si tratta solo di un aumento di sostanze chimiche nell’ambiente, ma di spingere questi prodotti senza un’adeguata rete di sicurezza, con il pretesto di ‘proteggerci'”.

La dottoressa Meryl Nass, internista e fondatrice di Door to Freedom, ha detto che ci sono “molte somiglianze” nel modo in cui i vaccini e i pesticidi sono regolamentati, dal momento che “in ogni caso, il produttore paga per tutti o per la maggior parte degli studi sulla sicurezza”.

“Dopo molto tempo dall’approvazione di un vaccino o di un pesticida, a volte vengono alla luce studi scientifici non pagati dall’industria e le parti lese possono cercare di usare questi studi per fare causa”, ha detto Nass. “La maggior parte delle cause che hanno avuto successo si basavano sulla mancata segnalazione di un rischio per la sicurezza che il produttore aveva taciuto”.

Ecco perché la Bayer sta cercando di eliminarla come causa di azione, ha detto Nass, che l’ha definita una “strategia intelligente”. Ha detto che la Bayer ha “miliardi da spendere, perché rischia di perdere decine o centinaia di miliardi in danni”.

Secondo Tips, “tutto ciò che è sovvenzionato o esentato da responsabilità si traduce in un’esplosione della disponibilità di quel particolare prodotto o servizio”. Tuttavia, non è che i pesticidi sarebbero obbligatori, ma piuttosto che diventerebbero più diffusi e tutti noi saremmo ancora più impregnati di tossine di pesticidi. Il risultato non sarà piacevole”.

Nass ha dichiarato a The Defender che, pur non prevedendo “l’obbligo di utilizzare i pesticidi” come i vaccini, durante la pandemia di COVID-19, può “prevedere che gli standard biologici saranno degradati al punto da diventare privi di significato e che sempre più alimenti saranno trattati con pesticidi, erbicidi o altre sostanze chimiche”.

Suggest A Correction

Share Options

Close menu

Republish Article

Please use the HTML above to republish this article. It is pre-formatted to follow our republication guidelines. Among other things, these require that the article not be edited; that the author’s byline is included; and that The Defender is clearly credited as the original source.

Please visit our full guidelines for more information. By republishing this article, you agree to these terms.