I maggiori fornitori di cibo spazzatura del mondo — tra cui Coca-Cola, PepsiCo e McDonald’s — sborsano una incalcolabile quantità di milioni per ogni genere, dalla realizzazione di campagne pubblicitarie ingannevoli all’influenzare la scienza.

Inoltre, spendono molto per fare pressioni sui funzionari statali nel tentativo di aggirare le normative vigenti, mantenere le loro pratiche monopolistiche e persino dettare ciò che i bambini mangiano a scuola.

Ma non è chiaro esattamente quanto spendono queste società, dove lo fanno e per cosa lo fanno dichiara Corporate Accountability, un’organizzazione no-profit impegnata a “impedire che imprese transnazionali devastino la democrazia, calpestino i diritti umani e distruggano il nostro pianeta”.

Nel tentativo di far luce sulle grandi spese di Big Food, un’ampia coalizione a livello globale di investitori istituzionali e individuali e di organizzazioni no-profit ha consegnato la risoluzione degli azionisti alle società Coca-Cola, McDonald’s e PepsiCo, chiedendo piena trasparenza sulle loro spese globali.

Le risoluzioni hanno ottenuto un numero di voti sufficiente alle assemblee degli azionisti di quest’anno per essere riproposte alle votazioni del prossimo anno.

Le risoluzioni hanno avuto origine da casi documentati di spese politiche da parte di queste società in Paesi come il Brasile, il Messico e il Sudafrica, volte a minare le leggi sulla protezione dei consumatori, ossia quelle che dovevano essere le normative di sicurezza alimentare e dei prodotti e le norme ambientali sulla sanità pubblica.

Ashka Naik, direttrice di ricerca presso Corporate Accountability, ha spiegato le motivazioni alla base delle risoluzioni degli azionisti.

Naik ha detto a The Defender:

“Le multinazionali hanno da tempo tradotto il potere di mercato in potere politico e li hanno usati entrambi per imporre costi umani e ambientali sbalorditivi alla popolazione mondiale.

“E sono stati in grado di farlo, generazione dopo generazione, mantenendo le loro orribili attività politiche e antidemocratiche al di fuori dalla scena pubblica, concentrando il loro potere nel sud del mondo e utilizzando il loro potere per permettersi un comportamento abusivo”.

“la popolazione non può correggere ciò che non vede. Un governo veramente reattivo e rappresentativo deve operare alla luce del sole… la presente iniziativa si regge sulle spalle di innumerevoli sostenitori — per generazioni e generazioni — di una democrazia funzionante e di un governo aperto che lavori veramente per il popolo”.

Un’ampia coalizione globale di investitori, fa pressione per ottenere la massima trasparenza

Harrington Investments, una società di consulenza con sede in California che si definisce “leader negli investimenti socialmente responsabili e nella difesa degli azionisti dal 1982”, ha presentato le risoluzioni, ha dichiarato Naik.

Diverse società di investimento e altre organizzazioni hanno firmato una lettera aperta agli amministratori delegati di Coca-Cola, McDonald’s e PepsiCo a sostegno della campagna per la piena divulgazione delle attività politiche globali di queste multinazionali.

Inoltre, cresce la pressione dell’opinione pubblica e degli investitori per una maggiore trasparenza e un freno totale alle spese politiche delle multinazionali.

Brianna Harrington, analista di ricerca presso Harrington Investments, ha dichiarato:

“Harrington… è il fautore, ma abbiamo ricevuto il sostegno di altre aziende e gruppi grazie agli sforzi di Corporate Accountability e alla loro petizione e alla campagna per diffondere la consapevolezza dell’importanza di fare pressione su società come queste per la trasparenza finanziaria”.

Naik ha detto che numerose ONG, che operano in diversi Paesi, sono fortemente coinvolte in questa campagna. Tra queste, la brasiliana ACT Promoção da Saúde, la messicana El Poder del Consumidor e la sudafricana Amandla.Mobi.

I rappresentanti di alcune di queste organizzazioni si sono rivolti di recente agli azionisti in occasione delle assemblee annuali di Coca-Cola, PepsiCo e McDonald’s.

Tra gli altri esempi citati da Naik vi è la società statunitense La Declaration for American Democracy coalition che, secondo lei, “sta spingendo per un’importante riforma di buon governo, tra cui una maggiore divulgazione politica” e per organizzazioni come Amici della Terra e HEAL Food Alliance che, insieme ad altre organizzazioni, hanno firmato un documento separato. Petizione indirizzata a Coca-Cola, McDonald’s e PepsiCo.

Queste organizzazioni accompagnano la crescente spinta degli investitori per una maggiore divulgazione da parte delle società di cui detengono azioni o in cui stanno pensando di investire.

Secondo Harrington, tali filosofie d’investimento comprendono gli investimenti socialmente responsabili (SRI) e gli standard ambientali, sociali e di governance (ESG).

Anche i principali investitori istituzionali, come Vanguard, hanno proclamato il loro sostegno per una migliore governance aziendale, dichiarando:

“Una cattiva governance dell’attività politica aziendale, unita a un disallineamento rispetto alla strategia dichiarata dell’azienda o a una mancanza di trasparenza sull’attività, può manifestarsi in rischi finanziari, legali e di reputazione che possono influire sul valore a lungo termine”.

Ma Harrington ha detto che queste dichiarazioni potrebbero non essere del tutto sincere. Vanguard non sostiene socially responsible investing (SRI) e environmental, social and governance standards (ESG), ha dichiarato Harrington. “Si tratta di un’iniziativa strettamente legata al marketing”.

Ha aggiunto: “Società come Vanguard sono molto più interessate alla percezione della trasparenza che all’effettiva trasparenza aziendale”.

Harrington ha dichiarato a The Defender che questo riflette una più ampia mancanza di volontà da parte delle grandi multinazionali di operare in modo trasparente, in quanto, secondo lei, “nessuna multinazionale fornisce una trasparenza totale e una divulgazione completa”.

Ha correlato questa mancanza di trasparenza e di divulgazione globale con i requisiti di rendicontazione poco rigorosi di numerosi Paesi.

“In genere le aziende rivelano solo ciò che è richiesto per legge, e nel mercato internazionale questi requisiti sono scarsi o inesistenti”, ha dichiarato.

Questo ha portato alla recente spinta verso una maggiore trasparenza, soprattutto per quanto riguarda i contributi politici che le multinazionali versano nei vari Paesi.

Secondo Harrington:

“Il poco che si sa sui contributi aziendali [is] motivo di preoccupazione, quindi la piena trasparenza su tutte le donazioni non solo è una richiesta sensata, ma sarebbe utile agli investitori per capire cosa la loro azienda sta finanziando.

“[Harrington Investments President and CEO] John Harrington, insieme a Corporate Accountability, ha ritenuto per molto tempo che l’attuale divulgazione da parte di queste gigantesche aziende di alimenti e bevande fosse così minima, e questa è stata una richiesta unica da parte degli investitori, per richiedere trasparenza non solo sull’influenza politica, ma anche su tutti i fondi dell’azienda utilizzati per influenzare le politiche pubbliche, a livello internazionale”.

Nel comunicato stampa di Corporate Accountability, Harrington ha spiegato perché è importante la piena divulgazione:

“La divulgazione in tutti i mercati dovrebbe essere una parte fondamentale della licenza di operare di una società.

“Il fatto che le leggi sulla trasparenza siano deboli — spesso grazie a lobby finanziate da aziende come McDonald’s — significa che gli investitori dovrebbero essere ciechi di fronte ai rischi posti?”

Indebolire le leggi sui consumatori nei paesi stranieri

Gli investitori e i sostenitori hanno preso di mira Coca-Cola, McDonald’s e PepsiCo perché sono stati accusati di cercare di minare le leggi esistenti e le proposte di legge in diversi Paesi.

Per esempio, Corporate Accountability ha citato la “promessa molto pubblica di Coca-Cola di ‘fare meglio‘ in materia di trasparenza”, contrapponendo questa promessa ai presunti sforzi dell’azienda “per compromettere l’etichettatura frontale delle confezioni in Messico”.

Alejandro Calvillo, intervenendo all’assemblea annuale di Coca-Cola il 26 aprile, ha dichiarato:

“Ho osservato in prima persona come l’industria alimentare e delle bevande e in particolare la Coca-Cola e le sue associazioni di categoria, abbiano usato l’influenza e i finanziamenti per cercare di bloccare le politiche di sanità pubblica raccomandate a livello nazionale e internazionale, ultimamente, in [Mexico’s], la nuova etichetta alimentare sulla parte anteriore della confezione.

“Per decenni, questa interferenza politica in mercati importanti come il Messico, il Brasile, l’India e altri Paesi ha rappresentato un grave danno per la salute delle persone e del pianeta, ma è stata in gran parte non rivelata”.

Ha aggiunto Calvillo:

“Chiediamo semplicemente che Coca-Cola aderisca ai valori fondamentali e universali di integrità e responsabilità che tutte le aziende dovrebbero praticare in tutti i luoghi in cui operano.

“Perché gli investitori non dovrebbero essere informati o avere meno visibilità sulle azioni politiche di Coca-Cola nel mio Paese o in qualsiasi altro? Non è giustificato che Coca-Cola applichi due pesi e due misure nel modo in cui applica i principi di trasparenza ed etica nei paesi del Nord globale rispetto a quelli del Sud globale”.

Un’altra serie di esempi che coinvolgono Coca-Cola riguarda uno dei suoi principali imbottigliatori all’estero, Coca-Cola Hellenic Bottling Company e le sue operazioni in Nigeria.

Nel 2017, a seguito di una causa, un tribunale nigeriano ha stabilito che alcuni prodotti dell’azienda potevano rappresentare un rischio per la salute dei consumatori.

Nel 2014, l’amministratore delegato di Coca-Cola Hellenic in Nigeria ha dovuto affrontare accuse penali per violazioni della tutela dei consumatori, tra cui “lattine arrugginite, tappi di bottiglia arrugginiti e oggetti estranei nelle bibite”.

Sempre nel 2014, Coca-Cola Hellenic ha tolto dalla lista le sue azioni alla Borsa di New York, il che significa che non sarà più registrata o soggetta alla supervisione da parte della SEC.

A sua volta, McDonald’s è accusata di “una lunga e travagliata reputazione di fare politica a spese del pubblico e persino degli investitori”, secondo Naik, che cita presunti diritti civili, sanità pubblica,tutela degli animali e problemi ambientali.

Allo stesso modo, Paula Johns di ACT Promoção da Saúde, intervenendo alla riunione annuale di PepsiCo del 4 maggio, ha citato il presunto ruolo di McDonald’s nell’ostacolare e annacquare le politiche sanitarie nazionali brasiliane e nel fare pressioni sulle autorità per il ritiro di una proposta di tassa sulle bibite, nonostante l’evidenza della prevalenza di malattie legate all’alimentazione nel Paese.

Secondo Johns, ACT ha contribuito alla ratifica e all’attuazione di diverse misure internazionali, come la Framework Convention on Tobacco Control dell’ Organizzazione Mondiale della Sanità, prima di passare alla difesa delle imprese, concentrandosi sulle malattie non trasmissibili causate da diete non salutari e sul ruolo svolto dai principali produttori alimentari.

Johns ha parlato delle attività di PepsiCo in Brasile e ha dichiarato a The Defender:

“[PepsiCo has shown a]… totale mancanza di trasparenza nelle loro spese politiche e CPA (corporate political activities, attività politiche aziendali), incluso, ma non solo, il nascondersi dietro alle loro associazioni commerciali nella loro lobby quotidiana all’interno del Congresso Nazionale.

“Qui stiamo parlando di politiche molto basilari volte a proteggere i bambini da prodotti sanitari nocivi, come la vendita [sugar-sweetened beverages] nelle scuole, proteggendo i bambini dalle pratiche di marketing e facendo pressioni contro regolamenti efficaci sull’etichettatura frontale e contro misure fiscali che rendano gli alimenti sani più accessibili e quelli non sani più costosi e meno accessibili”.

Oltre alle questioni relative ai consumatori, Johns ha affrontato problemi simili nella catena di produzione, tra cui “violazioni dei diritti umani delle popolazioni indigene” e “avvelenamento della agricoltura locale tramite pesticidi” da parte dei fornitori di PepsiCo in Brasile.

Palesa Ramolefo di Amandla.mobi si è rivolta agli investitori in occasione della riunione annuale di McDonald’s, dichiarando:

“Molte aziende che influenzano la nostra democrazia e il nostro governo a porte chiuse possono trarre profitto a breve termine, ma la verità spesso viene alla luce.

“Nella maggior parte dei Paesi in cui McDonald’s fa affari, come il mio, non abbiamo idea di cosa stia facendo la società e di quanto stia spendendo per stravolgere le politiche statali.

“Se Mcdonald’s non ha nulla da nascondere, la piena trasparenza e la responsabilità dovrebbero essere facili. Se Mcdonald’s può farlo negli Stati Uniti, perché non nei Paesi africani? Perché questo doppio standard?”.

Secondo Corporate Accountability, il Sudafrica ha sperimentato il cosiddetto “effetto McDonald’s“. L’incidenza delle malattie legate all’alimentazione è aumentata con l’espansione della presenza della catena nel Paese. Il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa possedeva in passato 145 franchising di McDonald’s.

Rendere visibile l’invisibile” è il primo passo verso la trasparenza globale

Naik ha sostenuto che “rendere visibile l’invisibile è il primo passo per avanzare un appello che chiede alle aziende di smettere di interferire nelle nostre normative e nella nostra politica una volta per tutte”.

Questi appelli sono arrivati sotto forma di una proposta di trasparenza globale, presentata alle assemblee annuali di Coca-Cola, McDonald’s e PepsiCo.

La proposta prevedeva la stesura di rapporti di trasparenza globale sulle attività e sulle spese politiche delle tre società, nonché studi e divulgazioni relativi all’impatto esterno sulla salute pubblica dei prodotti e delle attività delle società

Secondo Harrington, mentre “tutte le società sono soggette a indagini sulla trasparenza e, a richieste da parte degli investitori, sulla questione della divulgazione” — e nonostante il fatto che “gli investitori e gli stakeholder hanno fatto pressione sulle società per decenni per numerose forme di divulgazione” — questa risoluzione è unica nel suo genere, in quanto è raro che gli investitori richiedano a una società una divulgazione finanziaria completa su tutte le spese aziendali.

Harrington ha dichiarato a The Defender:

“La divulgazione in tutti i mercati dovrebbe essere una parte fondamentale della licenza di operare di una società… La maggior parte delle grandi entità aziendali operano globalmente. La divulgazione e la trasparenza devono essere globali.

“Queste proposte richiedono la piena divulgazione di tutti i fondi spesi, a livello internazionale, per influenzare le politiche pubbliche.

“Questo include, ma non si limita a, contributi politici, lobbismo, donazioni di beneficenza e finanziamenti dati a organizzazioni di “ricerca” per produrre rapporti di scienza spazzatura che hanno un impatto sulle politiche sanitarie”.

Johns ha aggiunto:

“Ci piacerebbe sapere quanto spendono all’estero, ma non abbiamo queste informazioni.

“Sappiamo che fanno attività di lobby grazie alle nostre fonti nel Congresso nazionale e perché anche noi facciamo attività di lobby (per le politiche di sanità pubblica)”.

Secondo Naik, Harrington Investments è stata in grado di presentare queste risoluzioni per il voto alle tre assemblee annuali perché “gli investitori con una certa quantità di partecipazioni per un certo periodo di tempo possono presentare le risoluzioni prima di una scadenza di deposito presso la Securities and Exchange Commission [SEC]”.

Secondo Harrington, queste risoluzioni hanno avuto un notevole successo:

“Le nostre proposte a KO [Coca-Cola] hanno ricevuto il 12,6% e a PEP [PepsiCo] il 17,6% di sostegno da parte degli azionisti… il che è un segnale molto positivo per una proposta di questa natura nel suo primo anno di introduzione.”

Il conteggio ufficiale dei voti dell’assemblea annuale di McDonald’s è ancora in sospeso al momento in cui scriviamo.

Harrington ha osservato che ciò è avvenuto nonostante l’opposizione dei vertici aziendali di queste società:

“Non sorprende che tutte le società presso le quali abbiamo depositato la proposta non la sostengano, e che il management raccomandi agli azionisti di votare contro la/e risoluzione/i”.

“[Neither Coca-Cola nor PepsiCo] hanno risposto alle nostre proposte per una partecipazione attiva e continua della comunicazione dopo che abbiamo presentato le nostre risoluzioni. La PEP, invece, ha contestato la nostra proposta e ha lottato duramente per cercare di convincere la SEC che non dovrebbe essere permesso che fosse ammessa alle votazioni degli azionisti e nella documentazione dell’assemblea. La PEP ha infine accettato ad essere coinvolta e abbiamo tenuto una conference call con loro”.

Johns ha dichiarato a The Defender:

“Mi è stato detto che il 18% è una risposta insolitamente alta per questo tipo di risoluzione.

“Ma partecipare alla riunione e ascoltare la risposta ufficiale e la raccomandazione del Consiglio di Amministrazione di respingere la risoluzione è stata un’esperienza molto interessante.

“La maggior parte delle cose che io considero positive sono state presentate come negative durante la riunione e viceversa, sembrava di vivere in pianeti paralleli. Sostengono di essere ‘cittadini’ d’impresa meravigliosi e responsabili nel loro contributo alla sicurezza alimentare e nutrizionale, mentre le prove dimostrano sostanzialmente il contrario”.

Altre azioni da seguire

Una recente dichiarazione degli investitori rilasciata dall’Interfaith Center on Corporate Responsibility (ICCR), che rappresenta oltre 4.000 miliardi di dollari di patrimonio, ha affermato che “le spese politiche delle aziende hanno un effetto destabilizzante sul più ampio ambiente economico e culturale, inibendo la sostenibilità a lungo termine delle imprese”.

I membri dell’ICCR, che rappresentano oltre 140 miliardi di dollari di attività, hanno sostenuto una lettera aperta ai dirigenti dell’industria alimentare e delle bevande, chiedendo loro di aumentare le informazioni globali.

Secondo Naik, questa sembra essere una nuova tendenza degli investitori. “Dato il successo iniziale e il crescente slancio per una maggiore trasparenza politica tra le Fortune 500, ci aspettiamo che risoluzioni come questa proliferino”, ha dichiarato.

Johns ha aggiunto:

“Cercare di smuovere un’azienda dall’interno e piantare qualche seme critico nelle assemblee dei loro azionisti è solo una parte di una strategia molto più ampia per garantire sistemi alimentari più sani e sostenibili per tutti”.

Ma perché gli investitori dovrebbero preoccuparsi di questioni che riguardano la divulgazione e la trasparenza, nonché le spese politiche aziendali all’estero, se le società sono redditizie e hanno un buon andamento finanziario?

Per Johns, con riferimento specifico alle attività di PepsiCo in Brasile, si tratta di una questione più ampia di sostenibilità.

“Perché il pianeta Terra è uno solo e le pratiche, le politiche e i prodotti della stragrande maggioranza del portafoglio di PepsiCo sono dannosi per la salute, l’ambiente e la giustizia sociale”, ha dichiarato Johns a The Defender.

Ha aggiunto Naik:

“Affinché il pianeta, le persone e le economie possano prosperare, i governi devono essere innanzitutto al servizio dell’interesse pubblico, non di una manciata di aziende globali.

“Per correggere il grave squilibrio odierno, dobbiamo innanzitutto sapere come le multinazionali controllano i governi e le politiche pubbliche. Poi dobbiamo correggerle.

“Avremmo multinazionali per le quali le licenze per concludere qualsiasi affare, così come dovrebbero essere le licenze di qualsiasi impresa, rivelassero pienamente le loro attività politiche e le spese in ogni campo geografico in cui operano”.

Questo è importante per gli investitori, sostiene Naik, anche per le grandi imprese istituzionali come Vanguard e BlackRock:

“Se si investe in una società si dovrebbe avere una visione completa delle responsabilità che si stanno assumendo. Cos’altro questa multinazionale sta nascondendo agli investitori e al pubblico che potrebbe influenzare il valore delle sue azioni?

“Vanguard, BlackRock e altri sono seduti su montagne di rischi a questo proposito. Quando le multinazionali vendono una cosa agli investitori e alla popolazione ma fanno una cosa totalmente diversa per influenzare la politica, quando ciò viene a galla può causare sanzioni e compromettere la reputazione dell’impresa in maniera significativa”.

In ultima analisi, Harrington ha dichiarato che l’obiettivo è quello di vedere le multinazionali “rivelare tutti i loro finanziamenti internazionali per influenzare le politiche pubbliche”, aggiungendo che “è giusto che gli investitori e gli stakeholder abbiano accesso alle informazioni su dove vanno i loro soldi e su cosa sostengono”.

Johns è d’accordo:

“Sarebbe meraviglioso se tutte le società multinazionali, non solo Pepsico, McDonald’s e Coca-Cola, Bayer, Unilever [and] Phillip Morris… ma anche i principali gruppi di investitori come BlackRock, Vanguard, State Street, Elon Musk, Google, Shell, Exxon, banche e altri, diventassero davvero parte della soluzione facendo pressione per ottenere regole che mettessero dei limiti alle multinazionali, in modo che i loro amministratori delegati fossero ritenuti responsabili delle loro pratiche e politiche”.