Una disposizione che protegge le piattaforme dei social media dall’essere citate in giudizio per i contenuti condivisi dai suoi utenti è sotto attacco sia da destra che da sinistra, ma per ragioni diverse.

La sezione 230, passata come parte del Communications Decency Act del 1996, dà immunità legale ai giganti di internet come Facebook e Twitter per i contenuti ospitati sulle loro piattaforme.

I democratici dicono che la sezione 230 viene usata per “diffondere la disinformazione anti-vaccino”, mentre i repubblicani sostengono che la disposizione promuove la censura dei punti di vista conservatori.

I sostenitori della Sezione 230 dicono che la legge è uno strumento importante per proteggere la libertà di parola.

L’ultima a prendere di mira la sezione 230 è la senatrice Amy Klobuchar (D-Minn.) che la scorsa settimana ha introdotto un disegno di legge inteso a reprimere la diffusione della cosiddetta disinformazione sui vaccini.

Secondo il Wall Street Journal, l’Health Misinformation Act di Klobuchar del 2021 toglierebbe ai giganti dei social media “le loro protezioni dalla responsabilità se le loro tecnologie diffondono disinformazione relativa alle emergenze sanitarie pubbliche”.

Se approvata, la legge renderebbe più facile per i giganti dei social media essere citati in giudizio per la pubblicazione di informazioni che causano danni agli americani durante eventi considerati emergenze di salute pubblica dal Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani degli Stati Uniti.

Klobuchar ha detto in una dichiarazione:

“Per troppo tempo le piattaforme online non hanno fatto abbastanza per proteggere la salute degli americani. Queste sono alcune delle aziende più grandi e più ricche del mondo e devono fare di più per prevenire la diffusione di mortali disinformazioni sui vaccini. La pandemia di coronavirus ci ha mostrato quanto possa essere letale la disinformazione ed è nostra responsabilità agire”.

Il disegno di legge non si applicherebbe ai post dei singoli utenti, ma sarebbe invece utilizzato contro i giganti dei social media che utilizzano algoritmi che diffondono informazioni false.

Come riportato dal Washington Post, Klobuchar non è il primo legislatore a suggerire di ritagliare una certa categoria di contenuti fuori dalla Sezione 230.

Secondo il Washington Post:

“Nel 2018, il Congresso ha approvato una legge che rimuove le protezioni della Sezione 230 per le aziende consapevoli del traffico sessuale sui loro siti. I sostenitori della libertà di parola hanno detto che si tratta di un pericoloso precedente che potrebbe portare la legge, che molti vedono come fondamentale per mantenere Internet libero e aperto, ad essere decostruita completamente.

“Questo non è successo, anche se ci sono stati molti tentativi negli ultimi tre anni da parte di altri politici. Poco dopo l’approvazione dell’emendamento sul traffico sessuale, c’è stata una discussione al Congresso per fare un cambiamento simile relativo alla vendita di oppioidi e altre droghe su siti di social media come Instagram”.

Sia il presidente Biden che l’ex presidente Donald Trump hanno spinto per riformare la sezione 230.

Biden ha accusato Facebook a giugno di “uccidere le persone” diffondendo “disinformazione” sui vaccini COVID. I suoi commenti hanno seguito l’affermazione dell’addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki che Facebook sta diffondendo la falsa narrazione che i vaccini COVID causano infertilità.

Biden ha poi ritrattato le sue osservazioni, dicendo che non stava accusando Facebook di uccidere le persone, ma che vuole che la piattaforma sociale “faccia qualcosa circa la disinformazione, le informazioni oltraggiose sul vaccino”.

Kennedy: Abolire l’anonimato, non la protezione della libertà di parola

La sezione 230 fornisce protezioni chiave del primo emendamento, ma non è perfetta, secondo il presidente di Children’s Health Defense Robert F. Kennedy, Jr.

La sezione 230 afferma:

“Inoltre il CDA 230 offre il suo scudo legale ai blogger che agiscono come intermediari ospitando commenti sui loro blog. Secondo la legge, i blogger non sono responsabili per i commenti lasciati dai lettori, il lavoro dei blogger ospiti, i suggerimenti inviati via e-mail, o le informazioni ricevute attraverso i feed RSS. Questa protezione legale può ancora reggere anche se un blogger è consapevole del contenuto discutibile o fa dei giudizi editoriali“.

Tuttavia, non c’è nulla che impedisca a un blogger ospite, che non è protetto dalla Sezione 230, di pubblicare sotto un nome fittizio, permettendo all’autore del blog ospite di evitare la responsabilità per il contenuto che lui o lei pubblica.

Per esempio, Kennedy ha presentato una petizione in giugno alla Corte Suprema della Contea di Westchester per ordinare a Daily Kos di rivelare il vero nome di “Downeast Dem” – un blogger, che secondo Kennedy lo ha diffamato sulla piattaforma Daily Kos l’anno scorso.

Secondo la Sezione 230, Daily Kos è immune da responsabilità, tuttavia il blogger ospite, “Downeast Dem”, non lo è.

Kennedy ha detto a The Defender che mentre “l’industria farmaceutica e i suoi alleati di Big Tech hanno usato la Sezione 230″ per attaccarlo e diffamarlo, la considera ancora una “piattaforma pratica per la libertà di parola”.

Kennedy ha detto:

“Non l’abolirei del tutto. Penso che la soluzione migliore sia abolire l’anonimato su queste piattaforme, in modo che le persone debbano assumersi la responsabilità dei loro post ed essere responsabili sia a livello reputazionale che finanziario.

“Penso che questo modererebbe molto del veleno e della polarizzazione su internet, perché la capacità degli individui di postare le bugie più velenose senza doverne rispondere è una delle ragioni principali per cui internet è diventato una forza così negativa contro il discorso civile”.

Jeff Kosseff, un professore di diritto della cibersicurezza all’Accademia Navale degli Stati Uniti, ha detto al Washington Post che è “altamente improbabile” che qualsiasi grande cambiamento alla legge sia approvato da un tribunale.

Kosseff, che ha scritto un libro sulla storia della sezione 230, ha detto che il primo emendamento protegge il diritto delle aziende di social media di moderare le loro piattaforme come meglio credono.

“Non tutte le soluzioni a ciò che è sbagliato con Internet verranno attraverso la sezione 230”, ha detto Kosseff. “Non ci sono risposte facili”.