Secondo il comunicato dell’8 ottobre del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS), più di 21.000 eventi avversi, compresi 24 decessi (due dei quali erano suicidi), sono stati segnalati negli Stati Uniti in ragazzi dai 12 ai 17 anni in seguito a iniezioni sperimentali di COVID.

VAERS ha anche ricevuto 111 segnalazioni di decessi legati al vaccino COVID in giovani adulti nella tarda adolescenza e nei vent’anni.

Come riportato da The Defender la scorsa settimana, lo studente universitario Shawn Kuhn, 21 anni, laureando in scienze dello sport e dell’esercizio fisico, che ha scelto di farsi vaccinare completamente, è morto l’11 ottobre per “complicazioni da COVID”.

La morte di Kuhn ha sollevato domande sul potenziale per le persone completamente vaccinate di sviluppare un potenziamento anticorpo-dipendente (ADE). Da quando i vaccini sono entrati negli studi clinici, gli scienziati hanno espresso preoccupazioni per il fenomeno della “bomba a orologeria” dell’ADE, che rende gli individui vaccinati più, non meno, suscettibili di malattie gravi.

Lapressione a non segnalare eventi avversi significa che queste tragiche lesioni nei giovani rappresentano probabilmente una goccia in un secchio molto più profondo. Anche supponendo una volontà di segnalare le reazioni, i medici spesso non sanno come si presenta un evento avverso.

Per mesi, medici e scienziati di spicco in tutto il mondo hanno emesso avvertimenti urgenti sul profilo di sicurezza catastroficamente cattivo del vaccino Pfizer e di altre iniezioni COVID, sostenendo fortemente contro il loro uso nei bambini.

Diversi paesi scandinavi ha messo in pausa l’uso del Ilvaccino Moderna nei gruppi di età più giovani, preoccupato per il rischio di miocardite – una mossa che ha fatto vergognare la Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti in il ritardo della loro decisione se autorizzare o meno (in via d’urgenza) l’iniezione di Moderna per i ragazzi americani dai 12 ai 17 anni.

Purtroppo, sia la FDA che il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) stanno procedendo a tutto vapore per autorizzare l’iniezione COVID di Pfizer-BioNTech per i bambini più piccoli.

Tutti i segni indicano che, con le buone o con le cattive, le agenzie che dovrebbero proteggere i nostri bambini sono determinate a ignorare i rischi sproporzionati e i segnali di sicurezza per affrettare le iniezioni sperimentali nelle braccia dei bambini.

Il presidente diChildren’s Health Defense, Robert F. Kennedy, Jr. ha detto a migliaia di persone che si sono riunite a Times Square a New York il 16 ottobre: “Non abbiamo il diritto di fare questo ai bambini piccoli”, affermando che sottoporre i bambini agli eventi avversi della vaccinazione COVID non è etico ed è “malpractice medica”.

Una conclusione inevitabile?

Il VRBPAC (Vaccines and Related Biological Products Advisory Committee) della FDA si riunirà il 26 ottobre per deliberare sull’autorizzazione all’uso di emergenza del vaccino Pfizer nei bambini dai 5 agli 11 anni.

La FDA sostiene che procederà con cautela, “consapevole delle sensibilità che la gente ha sul vaccinare i bambini”.

Tuttavia, i precedenti dell’agenzia di ignorare o nascondere i dati – e le previsioni soleggiate dell’ex commissario della FDA e attuale membro del consiglio di amministrazione della Pfizer Scott Gottlieb – rendono il via libera del VRBPAC alle iniezioni per i bambini delle elementari praticamente una conclusione scontata.

In anticipo sull’attesa autorizzazione della FDA, il CDC ha già emesso le linee guida per vaccinare i bambini dai 5 agli 11 anni, e l’amministrazione Biden ha acquistato 65 milioni di dosi pediatriche Pfizer – “più che sufficienti per vaccinare completamente… tutti i 28 milioni di bambini dai 5 agli 11 anni”.

Oggi, la Casa Bianca ha dettagliato il suo piano, già in atto, di appoggiarsi a scuole e pediatri per aiutare a vaccinare 28 milioni di bambini.

Queste azioni suggeriscono che il Comitato consultivo del CDC sulle pratiche di immunizzazione (ACIP), che si riunirà il 2 e il 3 novembre, è pronto ad approvare la decisione della FDA.

E se l’ACIP dovesse in qualche modo non riuscire a giocare la palla, la direttrice del CDC, la dottoressa Rochelle Walensky, ha già dimostrato di essere più che capace di annullare i suoi stessi consiglieri.

Un altro giro di paura cade a terra

Tentando di porre le basi psicologiche per l’imminente autorizzazione della FDA, lo scrittore scientifico del New York Times Apoorva Mandavilli ha affermato il 6 ottobre che quasi 900.000 bambini sono stati ricoverati con COVID dall’inizio della pandemia.

Il Times fu costretto a ritrattare la balla di Mandavilli – un’esagerazione di 14 volte – il giorno dopo.

Gli osservatori della propaganda hanno notato che la “falsità integrale” è in linea con lo “spudorato allarmismo” che è stato una caratteristica prominente del playbook della Gray Lady, sia durante che prima di COVID.

Lo scorso maggio, in studi che uno scrittore scientifico avrebbe dovuto conoscere bene, i ricercatori californiani hanno riferito che i ricoveri pediatrici per COVID sono stati sovrastimati di almeno il 40%, “sovrastimando notevolmente[ing] il vero peso della malattia COVID-19 nei bambini”.

Contrariamente alle affermazioni assurdamente gonfiate di Mandavilli, i numeri di ospedalizzazione pediatrica per COVID sono “irrisori”.

Concordando con questa valutazione, gli specialisti pediatrici dell’Università della California-San Francisco hanno sottolineato: “I rapporti scientifici e dei media che ritraggono in modo impreciso il rischio di COVID-19 per i bambini possono fare male allarmando i genitori”.

Né “lieve” né “trattabile

I produttori e i media hanno anche la tendenza a ritrarre in modo impreciso il rischio di miocardite e altri problemi cardiaci nei giovani dopo aver ricevuto una o due dosi di vaccini COVID.

Anche se sia Pfizer che Moderna ora includono un breve avvertimento nelle loro schede informative di autorizzazione all’uso di emergenza per i destinatari del vaccino che la miocardite e la pericardite “si sono verificate in alcune persone che hanno ricevuto il vaccino”, caratterizzano le probabilità come “molto basse”.

Il CDC, da parte sua, continua a raccomandare le iniezioni per tutti i 12 anni e più, sostenendo che la maggior parte delle giovani vittime dell’infiammazione cardiaca indotta dal vaccino COVID “risponde bene ai farmaci e al riposo”.

Steven Pelech, professore dell’Università della British Columbia, non è d’accordo, criticando l’atteggiamento rilassato delle agenzie sanitarie sulla miocardite come fuorviante. Pelech ha dichiarato in agosto: “Contrariamente a quello che hanno detto diverse persone, non esiste una cosa come la ‘lieve miocardite'”.

Pelech ha spiegato che una volta che le cellule del muscolo cardiaco vengono uccise, “non possono mai essere sostituite da nuove cellule muscolari, ma solo da tessuto cicatriziale”. Questo può portare a “una maggiore possibilità di attacchi di cuore e altri problemi più tardi nella vita”.

La scorsa settimana, fratelli di quattro e cinque anni hanno erroneamente ricevuto dosi per adulti del vaccino COVID-19 della Pfizer in un Walgreens locale, invece di ottenere i colpi di influenza che i loro genitori avevano richiesto.

i bambini hanno sperimentato reazioni avverse quasi immediatamente, ed entrambi sono ora sotto la cura di un cardiologo pediatricoper problemi che includono mal di testa, dolore al petto, frequenza cardiaca anormalmente veloce e alta pressione sanguigna.

Peter Hotez – uno sviluppatore di vaccini del Baylor College of Medicine e detentore di brevetti a cui i media mainstream si rivolgono spesso per una frase da “esperto” – hadichiarato che i due giovani fratelli “probabilmente se la caveranno bene”, nonostante abbiano ricevuto una dose “tre volte superiore… a quella testata negli studi clinici”.

All’inizio del 2020, Hotez ha messo in guardia il Congresso sul problema del potenziamento anticorpo-dipendente, avvertendo che poneva un “problema unico di sicurezza potenziale” nello sviluppo di vaccini coronavirus.

Dopo che i fondi cominciarono ad affluire a Baylor per sostenere lo sviluppo da parte di Hotez di un vaccino contro il coronavirus “veramente texano” chiamato Corbevax, Hotez cambiò tono e cominciò anche a promuovere fortemente la vaccinazione dei bambini.

Gli studi confermano che l’insorgenza della miocardite nei destinatari del vaccino COVID, anche in adolescenti e giovani adulti precedentemente sani, è spesso rapida. Una recente serie di casi ha documentato la miocardite in 22 membri maschi dell’esercito (età media 25 anni) entro quattro giorni dalla vaccinazione COVID. Gli autori dello studio hanno ammesso che non è stato possibile identificare altre cause oltre alla vaccinazione.

Un altro studio che ha esaminato i dati in 40 ospedali in quattro stati ha trovato che la miocardite post-vaccinazione – che gli autori suggeriscono è notevolmente sottovalutata – si sviluppa rapidamente nei pazienti più giovani, una mediana di 3,5 giorni dopo la vaccinazione.

Perché questa grande spinta a perseguire i bambini?

Dato che la malattia COVID non presenta quasi nessun rischio per i bambini – con un Tasso di sopravvivenza del99,9973% per quelli dai 19 anni in giù e tassi di ospedalizzazione molto più bassi di quelli che il New York Times vorrebbe farci credere – quale logica possibile possono offrire la FDA e il CDC per sottoporre i bambini piccoli a una tale esperimento pericoloso?

Una risposta (per quanto inquietante possa essere per coloro che vogliono credere nelle buone intenzioni delle nostre agenzie di regolamentazione catturate ) è che la buona salute non è redditizia, mentre la tossicodipendenza lo è.

È ben stabilito che il l’aumento delle malattie croniche nei bambini americani è coterminoso con il programma di vaccinazione infantile, e i tipi di eventi avversi documentati in I foglietti illustrativi dei vaccini per l’infanzia senza responsabilità – 400 diverse reazioni che includono convulsioni, asma, allergie, malattie autoimmuni, artrite, paralisi, disturbi gastrointestinali e problemi di salute mentale – generano clienti a lungo termine e spesso a vita per i industria farmaceutica.

Ora, i medici stanno segnalando un aumento significativo dei tumori dopo la vaccinazione COVID. È per questo che la Pfizer ha appena speso più di 2 miliardi di dollari per acquisire un’azienda focalizzata sui trattamenti contro il cancro?

Anche i banchieri centrali sono ben consapevoli di queste dinamiche. Qualche anno fa, Goldman Sachs – una banca membro della Fed di New York – ha ammesso francamente in un rapporto che curare i pazienti potrebbe non essere “un modello di business sostenibile”.

Tuttavia, la strana promozione del vaccino COVID, al di fuori della loro cerchia, mostrato dal presidente della Federal Reserve Jerome Powell e il presidente della Banca centrale europea Christine Lagarde, entrambi sostengono che la ripresa economica dipende dai “progressi con le vaccinazioni”, suggerisce che i banchieri centrali intenti a centralizzare e controllare i flussi economici contano anche sulla vaccinazione di massa COVID per altri scopi.

La settimana scorsa in The Federalist, il senatore Ron Johnson (R-Wis.) ha scritto che le storie di lesioni e morte da vaccino COVID si stanno riversando nel suo ufficio e sono chiaramente “in numero molto più alto di quanto le autorità sanitarie vogliano ammettere”.

In questo contesto – e di fronte alla prova schiacciante chenon c’è “nessuna relazione discernibile [sic] tra la percentuale di popolazione completamente vaccinata e i nuovi casi di COVID-19″ – il senatore ha caratterizzato la spinta per i mandati come “sinistra“.

Johnson ha anche notato che “la spinta determinata per la vaccinazione indiscriminata di … donne incinte e bambini mi fa porre delle domande”.

Quando si tratta dei nostri figli, dovremmo tutti porre ai regolatori e ai legislatori queste importanti domande.