Come anticipato, il presidente Biden giovedì ha annunciato che tutti i dipendenti federali civili e i lavoratori contrattuali saranno tenuti a mostrare la prova della vaccinazione contro il COVID, o a sottoporsi a regolari test COVID, a indossare mascherine e praticare il distanziamento sociale.

Biden ha anche invitato i governi statali e locali a usare i fondi di soccorso COVID per dare 100 dollari alle persone che si vaccinano.

In una dichiarazione rilasciata dalla Casa Bianca, l’amministrazione ha detto che le nuove regole sono state emesse a causa della variante Delta, e perché le persone non vaccinate rappresentano un problema per se stessi, le loro famiglie e i colleghi di lavoro.

“Ad ogni dipendente del governo federale verrà chiesto di attestare il proprio stato di vaccinazione”, ha detto Biden. “Chiunque non lo attesti o non sia vaccinato sarà obbligato a portare la mascherina indipendentemente da dove lavora; fare il test una o due volte alla settimana per vedere se … ha preso il COVID, a praticare il distanziamento sociale e generalmente non gli sarà permesso di viaggiare per lavoro”, ha detto.

Biden ha diretto la sua amministrazione ad applicare standard simili a tutti i lavoratoratori federali a contratto. “Se volete fare affari con il governo federale, fate vaccinare i vostri lavoratori”, ha detto.

Biden ha esortato altri governi statali e locali e datori di lavoro privati ad applicare un requisito di vaccinazione simile per il loro posto di lavoro. Ha detto che il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) ha “chiarito” che è legale farlo.

Biden si riferiva a una dichiarazione del DOJ pubblicata online all’inizio di questa settimana, che conclude che la legge federale non proibisce alle agenzie pubbliche e alle imprese private di richiedere la vaccinazione contro il COVID – anche se i vaccini hanno finora ricevuto solo l’Autorizzazione all’uso d’emergenza (EUA) – non una licenza completa – dalla Food and Drug Administration americana.

Secondo il New York Times, il governo federale impiega più di 4 milioni di americani, che dovranno tutti attestare di essere completamente vaccinati per evitare di indossare una mascherina sul posto di lavoro, indipendentemente da dove lavorano nel paese, e rispettare i test di screening una o due volte a settimana.

Il numero totale di dipendenti si avvicina ai 10 milioni se si includono i lavoratori a contratto.

Biden ha anche diretto il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti a studiare come e quando aggiungere il vaccino COVID alla lista delle vaccinazioni obbligatorie per tutti i membri delle forze armate.

“In quanto grande datore di lavoro, il più grande in questo paese, che si preoccupa degli individui che mantengono il governo in funzione, abbiamo l’obbligo di essere buoni amministratori della forza lavoro e garantirne la salute e la sicurezza”, ha detto ai giornalisti Karine Jean-Pierre, portavoce della Casa Bianca

Il Dipartimento degli Affari dei Veterani è diventato la prima agenzia federale ad emettere un obbligo, annunciando lunedì che richiederà a 115.000 dei suoi operatori sanitari di prima linea di essere vaccinati contro il COVID nei prossimi due mesi.

“So che è estenuante pensare che siamo ancora in questa lotta e so che speravamo che questa sarebbe stata una linea semplice e diretta senza problemi o nuove sfide”, ha detto Biden. “Ma questa non è la vita reale”.

Non è garantito che la strada da percorrere per gli obblighi federali sia liscia

L’Associated Press (AP) ha detto oggi che il piano di Biden “probabilmente costringerà a domande scomode” e ha aggiunto: “In questo momento, c’è una mancanza di risposte chiare”.

Secondo l’AP:

“Ci sono molte ragioni per cui tradurre l’ordine di Biden sul posto di lavoro potrebbe non andare liscio. Le agenzie governative tendono ad avere delle culture proprie, e le loro missioni sono diverse. I medici del National Institutes of Health sono probabilmente già vaccinati, ma alcuni agenti delle forze dell’ordine potrebbero essere diffidenti nel ricevere un’iniezione non ancora completamente approvata dalla Food and Drug Administration”.

I test continui sollevano altre questioni su chi pagherà, e se i test continueranno se qualcuno rifiuta di vaccinarsi e non ha diritto ad esenzioni mediche o religiose, ha detto l’AP.

Il rapporto dell’AP ha anche sollevato domande sul “soggetto perennemente sensibile” delle mascherine. Come faranno le agenzie a far rispettare una politica di mascheramento se non tutti hanno l’obbligo della vaccinazione? I supervisori pattuglieranno i cubicoli con le liste dei non vaccinati?

In un primo segno che la politica potrebbe non andare liscia come previsto, il sindacato dei lavoratori delle poste, l’American Postal Workers Union (APWU) ha detto che si oppone all’obbligo vaccinale dell’amministrazione Biden come condizione per poter lavorare, sostenendo che imporre vaccini o altre misure di controllo non è compito del governo federale.

“Mantenere la salute e la sicurezza dei nostri membri è di fondamentale importanza”, ha detto l’APWU in una dichiarazione rilasciata mercoledì. “Mentre la direzione dell’APWU continua a incoraggiare i lavoratori postali a vaccinarsi volontariamente, non è compito del governo federale imporre le vaccinazioni ai dipendenti che rappresentiamo”.

La dichiarazione ha anche detto:

“Le questioni relative alle vaccinazioni e ai test per il COVID-19 sul posto di lavoro devono essere negoziate con l’APWU. In questo momento l’APWU si oppone all’obbligatorietà delle vaccinazioni COVID-19 in relazione ai lavoratori postali statunitensi”.

Il Servizio postale americano impiega 570.000 persone negli Stati Uniti, secondo i dati federali, anche se non è chiaro se l’amministrazione Biden applicherà l’obbligo a tutti i lavoratori del servizio postale.

Children’s Health Defense si oppone agli obblighi, confuta il parere del DOJ

In anticipo sull’annuncio ufficiale di Biden, la Children’s Health Defense giovedì ha rilasciato una dichiarazione in disaccordo con l’opinione del DOJ e con la politica del mandato federale di Biden.

La dichiarazione ha citato il presidente del CHD Robert F. Kennedy, Jr:

“Gli interventi medici coercitivi sono stati aborriti dai sostenitori della libertà e della dignità umana in ogni epoca. Il fatto che questi vaccini siano testati approssimativamente, sperimentali, non approvati e così rischiosi che i loro produttori non possono ottenere una copertura assicurativa né indennizzare gli utenti contro lesioni gravi o la morte, dovrebbe aumentare la nostra repulsione etica”.

Come The Defender ha riportato il 28 luglio, CHD sta analizzando il memo del DOJ, ma nel frattempo, Ray Flores, un avvocato californiano che lavora con CHD sull’analisi, ha fatto alcune osservazioni iniziali.

“Anche se il memo del DOJ è un’accurata introduzione alla legge EUA, arriva alla conclusione sbagliata e ignora sfacciatamente la legge del Codice di Norimberga sulla sperimentazione umana”, ha detto Flores a The Defender.

Flores ha anche sottolineato che il memo del DOJ rappresenta in modo errato Doe v. Rumsfeld, 341 F. Supp. 2d 1, 19 (2004), il caso precedente in cui la corte ha respinto punizioni come l’isolamento o il congedo con disonore come conseguenze legittime del rifiuto al vaccino antrace sotto l’EUA – anche se il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti aveva imposto tali dure sanzioni.

“La corte ha stabilito in quel caso che la coercizione che eviscera il consenso informato viola la legge federale”, ha detto Flores.