I funzionari sanitari statunitensi ed europei stanno esaminando i vaccini COVIDJohnson & Johnson (J&J ) e AstraZeneca perché potrebbero causare trombosi e disturbi ematici correlati nelle persone vaccinate.

Ma ci sono sempre più prove che i vaccini Pfizer e Moderna causino reazioni avverse simili – e i funzionari normativi statunitensi sono stati avvisati di questo fatto già nel dicembre 2020.

Il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Centers for Disease Control and Prevention, CDC) mercoledì ha convocato una riunione d’emergenza del suo Comitato consultivo sulle pratiche vaccinali (Advisory Committee on Immunization Practices – ACIP) per determinare se rimuovere il divieto del vaccino J&J. Il divieto è stato messo in atto martedì, dopo le segnalazioni di trombosi.

Durante la riunione, i membri del comitato hanno salutato i vaccini mRNA di Pfizer e Moderna come ottime alternative al vaccino J&J perché non c’erano “problemi di sicurezza” – suggerendo che, a differenza dei vaccini J&J e AstraZeneca basati su adenovirus, i vaccini mRNA non sono associati alle trombosi.

Martedì, Peter Marks, direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della U.S. Food and Drug Administration (FDA), ha detto in una telefonata con i giornalisti che non sono stati riportati casi di trombosi del seno venoso cerebrale (CVST) con trombocitopenia (piastrine basse nel sangue che possono causare pericolose emorragie interne) in seguito ai vaccini Pfizer e Moderna.

Ma la dichiarazione di Marks contraddice numerose notizie, studi recenti e anche l’avvertimento di uno scienziato diretto specificamente a Marks alla fine dell’anno scorso – contraddice anche i dati del Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS).

Utilizzando un criterio di ricerca che includeva segnalazioni di trombosi associate a disturbi della coagulazione del sangue, il VAERS ha prodotto un totale di 795 segnalazioni per tutti e tre i vaccini dal 14 dicembre 2020 al 1 aprile 2021.

Dei 795 casi riportati, 400 segnalazioni erano attribuite a Pfizer, 337 segnalazioni a Moderna e 56 segnalazioni a J&J – molto più degli otto casi sotto inchiesta, compresi due altri casi aggiunti mercoledì.

Uno studio pubblicato oggi collega Pfizer e Moderna alle trombosi

Uno studio pubblicato oggi dall’Università di Oxford ha scoperto che il numero di persone che hanno sviluppato trombosi CVST dopo i vaccini COVID era circa lo stesso per Pfizer, Moderna e AstraZeneca, secondo MarketWatch. (J&J non è approvato per l’uso nell’UE, dove lo studio ha avuto origine).

Secondo lo studio, 4 persone su 1 milione hanno avuto un CVST durante le due settimane successive alla vaccinazione con il vaccino Pfizer o Moderna, contro 5 persone su 1 milione per il vaccino AstraZeneca.

Anche se i ricercatori hanno trovato un’incidenza significativamente più alta di trombosi nelle persone che sono state infettate da COVID, l’incidenza di trombosi dopo i vaccini era ancora molto più alta dell’incidenza di fondo di 0,41, un forte segnale che i vaccini pongono questo rischio specifico.

“Questi risultati sono coerenti con quello che sappiamo su come le proteine spike indotte dal vaccino possono da sole causare la segnalazione delle cellule attraverso le interazioni con i recettori ACE-2”, ha detto Lyn Redwood, RN, MSN, presidente emerito di Children’s Health Defense. “Quando ciò accade, si può avere un’infiammazione e una serie di altri eventi potenzialmente patologici nel rivestimento epiteliale dei vasi sanguigni, che possono poi innescare citochine pro-infiammatorie in grado di attivare dei sistemi di coagulazione e disattivare i meccanismi anticoagulanti con conseguente formazione di coaguli.”

Uno studio pubblicato a febbraio sul Journal of Hematology ha esaminato la trombocitopenia in seguito a vaccinazione Pfizer e Moderna in risposta alla morte di un medico della Florida di 56 anni – il primo paziente identificato che è morto per un’emorragia cerebrale dopo aver ricevuto il vaccino Pfizer.

I ricercatori hanno esaminato 20 casi di pazienti con trombocitopenia immune (ITP) dopo la vaccinazione, tra cui 17 senza trombocitopenia preesistente, utilizzando i dati di CDC, FDA, del Dipartimento statunitense di sanità e servizi umani (U.S. Department of Health and Human Services), il Sistema di segnalazione di eventi avversi da vaccino Vaccine Adverse Events Reporting System (VAERS), segnalazioni pubblicate e comunicazioni con pazienti e operatori sanitari.

Dopo aver analizzato i dati, i ricercatori non hanno potuto escludere la possibilità che i vaccini Pfizer e Moderna abbiano il potenziale di scatenare ITP e hanno raccomandato un’ulteriore sorveglianza per determinare l’incidenza della trombocitopenia dopo la vaccinazione.

“Anche se il rischio principale relativo all’ITP è il sanguinamento, sorprendentemente l’ITP è anche associata a un rischio aumentato del 20% per le trombosi”, ha detto Redwood, facendo riferimento a un articolo dell’8 marzo del Dr. Robert Bird, direttore di ematologia al Princess Alexandra Hospital di Brisbane, Australia.

I medici intervengono su come i vaccini potrebbero causare trombosi

L’Associazione dei medici e chirurghi americani, Association of American Physicians and Surgeons (AAPS) ha detto in un comunicato stampa del 5 aprile che tutti e tre i vaccini approvati per l’uso di emergenza negli Stati Uniti (Pfizer, Moderna e J&J) fanno sì che le cellule umane producano la proteina spike, che poi induce il sistema immunitario a produrre anticorpi per quella proteina.

Quando una persona vaccinata è poi esposta al virus, il sistema immunitario riconosce la minaccia e monta una difesa che dovrebbe almeno minimizzare i sintomi.

La proteina spike è solo un frammento di virus, quindi essa – o l’mRNA che ne crea il codice – non può causare un’infezione. Tuttavia, ci si chiede se la stessa proteina spike possa causare danni quando si lega ai recettori dei tessuti, ha spiegato l’AAPS.

I medici e gli scienziati dell’AAPS hanno informato la FDAche i prodotti mRNA, attraverso le proteine spike, possono avere “il potenziale di causare lesioni microvascolari [inflammation and small blood clots called microthrombi] al cervello, al cuore, al fegato e ai reni in modi che non sono stati valutati nelle prove di sicurezza”. L’FDA non ha risposto.

Almeno 37 persone hanno sviluppato un raro disturbo piastrinico dopo aver ricevuto l’iniezione Pfizer o Moderna, tra cui Gregory Michael, 56enne ostetrico della Florida, che ha sviluppato la malattia tre giorni dopo aver ricevuto il prodotto Pfizer ed è morto 15 giorni dopo essere stato vaccinato, ha detto AAPS.

Il 13 aprile, il dottor Hooman Noorchashm, un medico-scienziato e promotore di valori etici specializzato in chirurgia cardiotoracica, si è unito a Tucker Carlson nel suo show per discutere di trombosi e vaccini.

Noorchashm ha spiegato che anche se è un buon segno che la FDA stia prendendo sul serio le complicazioni delle trombosi con J&J, la stessa FDA sta ignorando simili complicazioni trombotiche con Pfizer e Moderna.

“Non so perché questo cluster stia influenzando J&J. Ci sono certamente altri esempi di eventi trombotici con Pfizer e Moderna che sono stati inseriti nel sistema VAERS”, ha detto Noorchashm.

Uno scienziato ha avvertito la FDA a dicembre sui vaccini COVID e le trombosi

L’8 dicembre 2020, prima che alcun vaccino COVID ricevesse l’ Autorizzazione all’uso di emergenza negli Stati Uniti, il dottor J. Patrick Whelan, M.D., Ph.D., ha scritto alla FDA sul potenziale dei vaccini progettati per creare immunità alla proteina spike dellaSARS-CoV-2 “di causare lesioni microvascolari e coaguli di sangue in tutto il corpo, compreso il cervello, il cuore, il fegato e i reni in modi che non sono stati valutati negli studi sulla sicurezza”.

Come riportato da The Defender a febbraio, Whelan, un medico di Harvard con un background in biochimica, medicina e reumatologia, non ha contestato il potenziale dei vaccini di arrestare rapidamente la diffusione del virus – presumendo che i vaccini dimostrino di prevenire effettivamente la trasmissione, il che non è stato valutato negli studi clinici.

Tuttavia Whelan ha ammonito che “sarebbe molto peggio se centinaia di milioni di persone dovessero soffrire di danni duraturi o addirittura permanenti al cervello o alla microvascolatura del cuore come risultato del non aver apprezzato a breve termine un effetto indesiderato su altri organi dei vaccini basati sulle proteine spike a lunghezza intera”.

Il vaccino della J&J è stato sospeso perché sei donne negli Stati Uniti hanno sviluppato un raro e grave disturbo chiamato trombosi venosa cerebraleche si verifica quando un coagulo di sangue si forma nei seni venosi del cervello. Il coagulo impedisce al sangue di defluire dal cervello. Di conseguenza, le cellule del sangue possono rompersi e perdere sangue nei tessuti del cervello, formando un’emorragia.

Secondo Redwood, la trombosi venosa cerebrale è stata riportata anche in casi di infezioni da COVID-19. Redwood ha spiegato come la stessa condizione che può verificarsi in una persona infetta dal virus potrebbe anche verificarsi in qualcuno che riceve un vaccino COVID.

“La scienza ha progredito rapidamente e ora siamo consapevoli che la proteina spike da sola, senza infezione COVID, è in grado di viaggiare attraverso il corpo e legarsi ai recettori ACE-2 e attivare una serie di percorsi di segnalazione cellulare in grado di innescare una vasta gamma di eventi avversi”, ha detto Redwood.

Uno studio di riferimento in Nature Neuroscience ha documentato che la proteina spike COVID-19 ottenuta commercialmente (S1) iniettata nei topi non solo ha attraversato la barriera emato-encefalica nel cervello, ma anche il polmone, la milza, il rene e il fegato dei topi.

Un secondo studio pubblicato in Neurobiology of Disease ha riportato che la proteina spike SARS-CoV-2 da sola, senza il virus, è un potente induttore di disfunzione endoteliale attraverso l’interazione con i recettori ACE-2 con conseguente risposta pro-infiammatoria nei rivestimenti dei vasi.

L’endotelio è una membrana sottile che riveste i vasi sanguigni che controllano il rilassamento e la contrazione vascolare, nonché gli enzimi che controllano la coagulazione del sangue, la funzione immunitaria e l’adesione delle piastrine. A seguito di una lesione vascolare che può essere causata da un’infiammazione generata da proteine spike, l’endotelio passa a un fenotipo pro-trombotico/pro-coagulante con conseguente formazione di trombi e altri eventi indesiderati.

Secondo Redwood, è “solo logico supporre” che quando il vaccino crea l’identica proteina spike che si verifica nell’infezione, e che è stata identificata come il colpevole di una miriade di lesioni gravi e pericolose per la vita, “vedremo queste stesse lesioni negli individui vaccinati”.

Redwood ha detto che è fondamentale fare una ricerca approfondita su questi danni legati ai vaccini prima di riprendere la vaccinazione con i vaccini con proteine spike, soprattutto nei bambini, per i quali non abbiamo dati reali sulla sicurezza e sull’efficacia.