Una relazione sintetica peer-reviewed pubblicata il 7 ottobre su Acta Paedatrica ha descritto il primo caso noto di sindrome infiammatoria multisistemica (MIS) in un ragazzo (MIS-C) in seguito alla somministrazione di un vaccino COVID.

Secondo la relazione, un maschio di 17 anni precedentemente sano ha sviluppato febbre, vomito, mialgia e dolore al petto cinque giorni dopo la sua seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech.

Dopo due giorni, è stato ricoverato in ospedale con alti livelli di parametri infiammatori e coinvolgimento multisistemico di tratto gastrointestinale, pelle, sistema nervoso centrale, reni, fegato, coagulazione, polmoni e cuore.

Il paziente ha sviluppato una miocardite – un’infiammazione che deriva dalla reazione immunitaria del corpo a un danno iniziale al cuore – con una frazione di eiezione gravemente ridotta del 20%.

È stato poi messo in terapia intensiva per sei giorni con infusione di norepinefrina, ossigenoterapia ad alto flusso, steroidi, immunoglobulina endovena e antibiotici. È stato dimesso dopo 10 giorni di ricovero.

“Per quanto sappiamo, questo è il primo caso riportato di un adolescente che ha sviluppato febbre e infiammazione multisistemica in seguito a vaccinazione mRNA SARS-CoV-2”, hanno detto gli autori. “Il caso corrisponde alla definizione diagnostica per un caso definitivo di MIS-C di livello uno dopo la vaccinazione contro la COVID-19“.

Gli autori hanno concluso che non si poteva stabilire con certezza che il vaccino COVID Pfizer fosse la causa di questo caso di MIS-C, ma il caso “era compatibile con lo spettro noto di reattogenicità del vaccino”.

“In conclusione, questo caso solleva il sospetto di una rara associazione tra il vaccino mRNA SARS-CoV-2 di Pfizer-BioNTech e la MIS-C in un adolescente maschio”, hanno detto gli autori.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), la MIS-C si verifica quando diverse parti del corpo si infiammano, tra cui il cuore, i polmoni, i reni, il cervello, la pelle, gli occhi o gli organi gastrointestinali.

Secondo la Johns Hopkins Medicine, la MIS-C è stata identificata per la prima volta nell’aprile 2020 da medici in ospedali pediatrici negli Stati Uniti e nel Regno Unito. La MIS-C colpisce soprattutto i bambini in età scolare e può verificarsi dopo una grave infezione da COVID.

Anche se la sindrome è rara, può essere pericolosa.

“Se l’infiammazione nel nostro paziente è stata causata dal vaccino Pfizer-BioNTech, rimane comunque una condizione estremamente rara, poiché non sono stati riportati altri casi che soddisfano i criteri per la MIS-C dopo la vaccinazione anti COVID negli adolescenti, nonostante siano stati vaccinati nove milioni di bambini negli Stati Uniti”, hanno detto gli autori.

Tuttavia, il Vaccine Adverse Event Reporting System (VAERS) del CDC mostra 34 segnalazioni di MIS-C, 18 delle quali verificatesi in adolescenti dai 12 ai 17 anni.

“Sono sorpreso che gli autori di questo studio non abbiano consultato il VAERS nella loro ricerca della letteratura scientifica”, ha dichiarato il dottor Brian Hooker, Ph.D., P.E., responsabile scientifico di Children’s Health Defense e professore di biologia alla Simpson University.

“La MIS-C è coerente con la patologia della proteina spike che potrebbe causare un’infiammazione non specifica degli organi a causa del danno tissutale causato dall’interazione della proteina spike con il recettore ACE2″.

Hooker ha detto che ha trovato interessante che l’adolescente di sesso maschile della relazione abbia sviluppato la miocardite, il che “smentisce una componente autoimmune del danno da vaccino”.

“La mia convinzione è che questo non sia affatto raro – è solo che non viene riportato”, ha detto Hooker.