Il presidente Biden dovrebbe annunciare più tardi oggi che imporrà nuovi obblighi vaccinali come parte di un ampio piano per mettere sotto pressione le imprese private, le agenzie federali e le scuole per attuare politiche di vaccinazione e test più rigorosi.

Secondo il New York Times, Biden, che è stato informato dal suo team di consulenti COVID mercoledì, affronterà sei aree in cui la sua amministrazione può spingere gli americani idonei a ricevere i vaccini.

Due funzionari che hanno familiarità con il piano hanno detto che includerebbe nuovi requisiti federali per la vaccinazione, e che il suo messaggio di fondo sarebbe che l’unico modo per tornare a un certo senso di normalità è quello di avere più persone vaccinate possibile.

Un funzionario della Casa Bianca ha detto che i sei pilastri che Biden discuterà includono:

  1. Vaccinare i non vaccinati
  2. Aumentare la protezione dei vaccinati
  3. Mantenere le scuole aperte in sicurezza
  4. Fare più tamponi e obbligare l’uso di mascherine
  5. Proteggere la nostra ripresa economica
  6. Migliorare le cure per i malati di COVID

Biden annuncerà anche nuove misure per i bambini nelle aule scolastiche.

Alla domanda se Biden aggiungerà ulteriori dettagli alle politiche esistenti o delineerà misure che avrebbero un effetto immediato e ampio sugli americani, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha detto ai giornalisti: “Dipende se siete vaccinati o no”.

“[Biden] sta per delineare la prossima fase della lotta contro il virus e in cosa consiste, comprese le misure per lavorare con il settore pubblico e privato, costruendo sui passi che abbiamo già annunciato, i passi che abbiamo fatto negli ultimi mesi: estendere gli obblighi vaccinali, rinforzare le misure di test importanti e altro; rendere più sicuro per i bambini andare a scuola, tutto in un momento in cui il popolo americano sta ascoltando”, ha detto Psaki.

In un’intervista con MSNBC prima delle osservazioni di Biden di giovedì, Psaki ha detto che Biden vuole davvero delineare il percorso futuro.

“Parlerà direttamente alle persone vaccinate e alla loro frustrazione, e vuole che sentano come costruiremo su ciò che abbiamo fatto finora per mettere il virus sotto controllo e tornare a una qualche versione di normalità in questo paese”, ha detto Psaki.

Poco più del 53% degli americani sono completamente vaccinati, compresi quasi due terzi della popolazione adulta, secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention.

Biden richiederà ai lavoratori federali di essere vaccinati, rimuoverà l’opzione dei tamponi

Come parte della sua strategia a sei punte per aumentare la vaccinazione Biden dovrebbe firmare due ordini esecutivi che richiedono che tutti i dipendenti e gli appaltatori del ramo esecutivo federale siano vaccinati contro il COVID – senza alcuna opzione per i tamponi settimanali per i non vaccinati come precedentemente promesso – tre persone che hanno familiarità con il piano hanno detto a CBS News.

Come The Defender ha riferito il 30 luglio, Biden ha annunciato che tutti i dipendenti federali civili e gli appaltatori sarebbero stati obbligati a mostrare la prova della vaccinazione contro il COVID, o a sottoporsi a regolari test COVID, a indossare mascherine e applicare il distanziamento sociale.

In risposta alla notizia che Biden avrebbe emesso ulteriori obblighi e restrizioni sui non vaccinati, Mary Holland, presidente e consigliere generale di Children’s Health Defense, ha detto a The Defender:

“La stampa che anticipa il discorso del presidente Biden suggerisce un totale e completo disconoscimento dell’etica del consenso informato per la quale gli Stati Uniti hanno aperto la strada nel codice di Norimberga alla fine della seconda guerra mondiale: il consenso del soggetto umano è assolutamente essenziale.

“Notate la parola ‘assolutamente’, ci deve essere il consenso informato. Punto e basta. Gli sforzi del presidente Biden per costringere i lavoratori federali e coloro che hanno scelto di rimanere non vaccinati sono chiaramente in violazione del Codice di Norimberga, che è stato incorporato nella legge federale e statale degli Stati Uniti. Questo è un giorno triste per l’etica e lo stato di diritto”.

Biden ha in programma di pronunciare le osservazioni alle 17.00 ora della costa orientale.

United Airlines permette esenzioni religiose per gli obblighi, ma metterà i lavoratori in congedo non pagato

United Airlines ha detto al personale mercoledì che coloro cui sono concesse esenzioni religiose per i vaccini COVID saranno messi in congedo medico temporaneo non retribuito, ha riferito la CNBC.

Nel mese di agosto, United è diventata la prima grande compagnia aerea degli Stati Uniti ad emettere un obbligo di vaccinazione per i suoi dipendenti. I dipendenti hanno tempo fino al 27 settembre per vaccinarsi completamente o dovranno affrontare il licenziamento.

“Non abbiamo una responsabilità maggiore verso di voi e i vostri colleghi rispetto a quella di garantire la vostra sicurezza quando siete al lavoro, e i fatti sono chiarissimi: tutti sono più sicuri quando tutti sono vaccinati”, il CEO Scott Kirby e il presidente Brett Hart hanno detto ai dipendenti in una nota ottenuta il mese scorso da The Hill.

I dipendenti, come ad esempio piloti, assistenti di volo e personale addetto all’accettazione, che interagiscono direttamente con i clienti, ai quali è concessa un’esenzione sarà permesso di tornare al lavoro “una volta che la pandemia sarà significativamente ridotta,” avrebbe dichiarato la United secondo delle fonti, anche se la compagnia aerea non ha specificato una linea temporale o stabilito criteri per ciò che significa “significativamente ridotta”.

Anche i meccanici e i dispatcher a cui sono date le esenzioni possono tornare a lavorare una volta che United avrà implementato nuove procedure di test e altre misure di mitigazione, secondo CNBC.

Gli approcci delle compagnie aeree per incoraggiare i tassi di vaccinazione del loro personale sono variati. Delta Air Lines sta imponendo una sovrattassa di 200 dollari sui premi sanitari aziendali dei dipendenti non vaccinati, e Delta, American Airlines e Alaska Airlines termineranno le protezioni salariali per i dipendenti non vaccinati che contraggono o sono esposti alla COVID.