Il politico canadese Derek Sloan e tre professionisti del campo medico – che dicono di rappresentare centinaia di loro colleghi – hanno detto la settimana scorsa in una conferenza stampa a Parliament Hill che il governo canadese sta sopprimendo le informazioni sugli effetti dannosi dei lockdown, sui rischi del vaccino nei bambini e sull’efficacia di alcune cure contro la COVID.

Il College of Physicians and Surgeons of Ontario (CPSO) ha rilasciato una “dichiarazione terribile” alla fine di aprile, minacciando i medici che hanno parlato di ciò di cui sono stati testimoni nei loro ospedali e comunità locali mentre combattevano il COVID in prima linea, ha detto Sloan.

“Lo scopo del CPSO è di proteggere il pubblico”, ha detto Sloan, “non di soffocare la legittima indagine scientifica o il dissenso dei medici professionisti”.

Il tentativo del governo di intimidire i medici ha avuto l’effetto opposto, ha detto Sloan. Invece, il suo ufficio è stato inondato da chiamate di medici, infermieri e altri esperti di medicina scientifica che hanno detto di essere stati minacciati e bloccati dal condividere le loro storie.

Byram Bridle, professore associato di immunologia virale all’Università di Guelph, Ontario, è uno dei molti professionisti medici che hanno detto di aver affrontato una censura estrema per aver posto domande scientifiche legittime sul COVID.

A Bridle è stato chiesto in un programma radiofonico se credeva che i vaccini COVID fossero legati all’infiammazione cardiaca in giovani uomini. Bridle ha dato la sua onesta opinione, dicendo che crede che ci sia un legame. Ha indicato delle prove a sostegno.

Entro 24 ore, Bridle ha detto di essere stato attaccato su tutti i fronti. Bridle ha detto che sono stati creati un “sito web diffamatorio” e un falso account Twitter per calunniarlo. È stato molestato quotidianamente via telefono, e-mail e social media, e uno dei suoi colleghi è arrivato persino a rilasciare informazioni mediche riservate sui suoi genitori, ha detto Bridle.

È stato un “atto infame”, ha detto Bridle. “Un medico praticante dovrebbe sapere che non può rilasciare informazioni mediche riservate”.

Cercando un luogo dove poter parlare liberamente, Bridle si è unito alla Canadian COVID Care Alliance, un gruppo di medici canadesi indipendenti, scienziati e operatori sanitari impegnati a fornire al pubblico canadese informazioni equilibrate basate sull’evidenza riguardo alla COVID.

Bridle ha avvertito che sopprimere le discussioni scientifiche e mediche aperte in Canada viola “tutto ciò che contraddistingue una società democratica”.

Alla conferenza stampa hanno parlato anche il dottor Patrick Phillips, medico di famiglia e di emergenza, e il dottor Don Welsh, professore di fisiologia e farmacologia alla Western University.

Entrambi hanno espresso preoccupazione per l’impossibilità di dire la verità sugli effetti negativi dei lockdown e sui benefici dell’uso di cure come la vitamina D per la COVID.

Phillips ha detto che “i lockdown massicci” hanno causato molti danni e che fino ad ora non aveva mai visto così tanti bambini con tendenze suicide nel suo studio.

“La scienza non ha funzionato correttamente negli ultimi 15 mesi”, ha detto Welsh. I lockdown del governo, le mascherine, il tracciamento delle malattie infettive e il distanziamento sociale hanno “creato una lunga lista di difficoltà per i canadesi, per riprendersi dalle quali questo paese impiegherà molti anni”.

Guarda qui: