Uno studio pubblicato il 30 Settembre su Eurosurveillance solleva dubbi sulla legittimità della “immunità di gregge generata da vaccino.”

Lo studio cita un focolaio di COVID che si è rapidamente diffuso tra lo staff medico in un Ospedale in Israele — nonostante un tasso di vaccinazione del 96%, l’uso di mascherine chirurgiche N-95 nei pazienti e dispositivi di protezione completa indossati dallo staff medico.

Il tasso d’infezione calcolato tra tutti i pazienti esposti e lo staff era del 10.6% (16/151) per lo staff e 23.7% (23/97) per i pazienti, in una popolazione con un tasso di vaccinazione del 96.2% (238 vaccinati/248 individui esposti).

Lo studio ha evidenziato che molta parte della trasmissione probabilmente si è verificata tra due individui entrambi con mascherina chirurgica e in un caso di tipo completo PPE, inclusa maschera N-95, scudo facciale, camice e guanti.

Dei 42 casi diagnosticati nel focolaio, 38 erano completamente vaccinati con due dosi di Pfizer e BioNTech’s Comirnaty, uno aveva fatto una sola dose e tre non erano vaccinati .

Degli infetti, 23 erano pazienti e 19 erano membri dello staff medico. Lo staff è guarito rapidamente. Mentre otto pazienti vaccinati si sono ammalati gravemente, sei si sono ammalati in modo critico di cui cinque sono morti. I due pazienti non vaccinati hanno avuto sintomi COVID lievi.

Gli autori hanno concluso:

“Questa notizia … mette in discussione l’assunto secondo cui alti tassi di vaccinazione universale portino all’immunità di gregge e prevengano focolai di COVID-19 … Nel focolaio descritto il 96.2% della popolazione esposta era vaccinato. L’infezione è avanzata rapidamente (molti casi sono diventati sintomatici a 2 giorni dall’esposizione) e la carica virale era alta.”

Secondo lo studio, il focolaio è cominciato da un paziente in emodialisi completamente vaccinato di oltre 70 anni ricoverato con febbre e tosse e messo in camera con altri tre pazienti.

Il paziente non era stato esaminato per il SARS-CoV-2 il giorno dell’ammissione, perché i suoi sintomi erano stati presi per una possibile infezione del sangue in aggravio a una insufficienza cardiaca congestizia.

Per determinare l’origine del focolaio i ricercatori hanno condotto un’analisi filogenetica su intere sequenze di genoma SARS-CoV-2 a disposizione su 12 casi, inclusi staff e pazienti dai reparti A, B e C e dialisi.

Tutti sono risultati infettati dalla variante Delta ed epidemiologicamente e filogeneticamente collegati allo stesso focolaio, eccetto un caso. Quel caso e quello di tre membri dello staff invece non sono stati considerati come parte del focolaio.

“Questo è uno studio molto interessante e molto solido dal punto di vista scientifico,” ha dichiarato il Dr. Brian Hooker, Ph.D., P.E., direttore scientifico di Children’s Health Defense e professore di biologia alla Simpson University.

“Il tasso di malattia del 96.2% di popolazione vaccinata dimostra che in questo caso, il vaccino è stato virtualmente inutile nel prevenire la trasmissione,” ha dichiarato Hooker. “Va anche notato che i due casi riportati dei pazienti non vaccinati erano lievi, mentre sei dei pazienti vaccinati sono morti.”

Il CEO di BioNTech ha detto che nel 2022 sarà necessario un nuovo vaccino COVID

Il capo di BioNTech — l’azienda tedesca che ha sviluppato il vaccino COVID con Pfizer — ha detto che entro metà anno nel 2022 sarà necessaria una nuova formulazione per proteggere contro future mutazioni del virus.

Secondo Bloomberg, Ugur Sahin, co-fondatore e CEO di BioNtech, ha detto al Financial Times che mentre le attuali varianti COVID, come il contagiosoceppo Delta, non erano così diverse da minare le attuali vaccinazioni, emergeranno nuovi ceppi che possono bypassare le dosi di richiamo e le difese immunitarie del corpo.

“Quest’anno [a different vaccine] è completamente inutile, ma entro la metà del prossimo anno, la situazione potrebbe essere diversa,” ha detto Sahin. “L’evoluzione è continua ed è appena cominciata.”

Secondo un nuovo studio preliminare sottoposto a peer review, gli anticorpi da vaccino Pfizer/BioNTech scompaiono in molte persone entro sette mesi.

Sei mesi dopo la seconda dose di vaccino Pfizer da due inoculi, molte persone non hanno più anticorpi indotti da vaccino che possano neutralizzare immediatamente varianti preoccupanti di SARS-CoV-2,riferisce la Reuters.

I ricercatori hanno analizzato campioni ematici di 46 adulti giovani e di mezza età in piena salute dopo aver ricevuto due dosi e di nuovo a sei mesi dalla seconda dose.

“Il nostro studio dimostra che la vaccinazione con il vaccino Pfizer-BioNtech induce alti livelli di anticorpi neutralizzanti contro il ceppo vaccinale originario, ma che tali livelli calano di quasi 10 volte entro sette mesi” dalla dose iniziale , hanno dichiarato Bali Pulendran della Stanford University e Mehul Suthar della Emory University in una email alla Reuters.

Lo studio ha mostratoche in circa metà (47%) di tutti i soggetti, gli anticorpi neutralizzanti che possono bloccare l’infezione da varianti COVID, come Delta, Beta e Mu, a sei mesi dalla seconda dose non erano più individuabili.

Gli anticorpi neutralizzanti non sono la sola linea di difesa del sistema immunitario contro il virus. Anche se, “hanno un’importanza cruciale nel proteggere dall’infezione da SARS-CoV-2,” hanno dichiarato Pulendran e Suthar.

I ricercatori hanno detto che i risultati giustificano una dose di richiamo circa sei sette mesi dopo per aumentare la protezione contro il SARS-CoV-2 e le sue varianti.

Fauci ha detto che tre dosi di vaccino COVID sono il ‘regime ottimale’

Il Dr. Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, martedì ha dichiarato che ciò che ritiene “il regime ottimale” di vaccinazione contro il SARS-CoV-2 avrà una ulteriore dose di richiamo.

I commenti di Fauci arrivano una settimana dopo che la Food and Drug Administration (FDA) e i Centers for Disease Control and Prevention statunitensi hanno autorizzato i richiami per milioni di americani, inclusi i professionisti considerati ad “alto rischio.”

Quasi 1 milione di americani hanno già preso appuntamento per fare la terza dose di vaccino Pfizer, secondo la Casa Bianca.

Pfizer e BioNTech il 30 Settembre hanno presentato i dati iniziali del loro studio sul vaccino per i bambini dai 5 agli 11 anni alla FDA.

Il comitato consultivo indipendente per i vaccini della FDA terrà tre riunioni in Ottobre per discutere le dosi di richiamo COVID, dosi miste e i vaccini per i bambini dai 5 agli 11 anni, come annunciato dall’agenzia venerdì.

Le prime due riunioni, il 14 e 15 Ottobre, tratteranno le dosi di vaccino COVID Moderna e Johnson & Johnson — entrambi autorizzati per l’uso negli adulti.

Durante la seconda riunione, il comitato discuterà anche i dati del National Institutes of Health sulla sicurezza e l’efficacia nel fare le dosi iniziali di un vaccino COVID e poi, una dose di richiamo di un altro vaccino di altra casa farmaceutica, ha riportato Politico.