Secondo Reignite Freedom, è giunto il momento di adottare misure pratiche – a livello individuale e collettivo – per ostacolare l’agenda globalista e dare a noi stessi la possibilità di creare la vita che desideriamo.

Così, il 4 settembre, il team di Reignite Freedom – che comprende il dottor Peter McCullough, il dottor Robert Malone, il presidente della Children’s Health Defense Robert F. Kennedy, Jr. e altri otto prominenti critici dell’agenda globalista – ha lanciato una protesta globale, un Global Walkout.

Ogni domenica alle 20.00, ora di Londra (21.00 in Italia, NdT.), Global Walkout annuncia una nuova “tappa”, ossia un’azione che le persone possono fare per tirarsi fuori dall’agenda globalista e impedirne il progresso.

“Molti di noi, me compresa, hanno inconsciamente aderito al globalismo accettando le comodità che ci hanno offerto attraverso la comunicazione tecnologica e la facilità delle operazioni bancarie”, ha dichiarato Monica Smit, responsabile della campagna Global Walkout, nel video introduttivo del Global Walkout.

Smit, che ha fondato e dirige Reignite Democracy Australia, ha dichiarato:

“Se vogliamo opporci strategicamente al globalismo, dobbiamo dare l’esempio rompendo le nostre catene piano piano.

“Abbiamo già il potere. Siamo già abbastanza. Dobbiamo solo agire all’unisono… Un passo alla volta, ci sforzeremo gradualmente di staccarci dall’agenda globalista”.

Secondo il suo sito web, le persone che compiono passi pratici possono accumulare uno slancio sufficiente a “creare blocchi stradali” nell’agenda globalista:

“Quando milioni di persone in tutto il mondo agiranno all’unisono, diventeremo una forza effettiva che non può essere ignorata.

“Con un numero sufficiente di persone, la famiglia della protesta globale può iniziare a intraprendere azioni significative che incoraggino le aziende e i governi a prendere in considerazione la nostra prospettiva.

“Se le nostre azioni possono incidere direttamente sulle tasche dei globalisti, questi ultimi potrebbero non avere altra scelta che ascoltarci”.

Ispirato dal convoglio di camionisti canadesi per la libertà medica,

“Il Convoglio canadese è stata l’ispirazione [per la creazione del Global Walkout]”, ha dichiarato Smit aThe Defender. “Mi sono detta: ‘Immagina se facessimo questo in tutto il mondo nello stesso momento'”.

Ha aggiunto:

“La cosa più importante è che chiunque può partecipare, indipendentemente da dove vive, da cosa fa o dal suo stile di vita. Richiede pochissima energia, ma può avere un impatto enorme se fatto all’unisono a livello globale.

“Potete partecipare a ciascuna fase nella misura in cui vi sentite a vostro agio. Se una delle misure non vi piace, non siete obbligati a prenderla. Se vi piace quella successiva, prendete quella”.

Oltre a Smit, Kennedy, McCullough e Malone, altri membri del team di lancio di Reignite Freedom comprendono:

Il Global Walkout: un passo alla volta

Il Global Walkout, che finora ha annunciato quattro tappe, annuncerà la quinta il 2 ottobre. Ecco come si presenta la campagna finora:

Tappa 4: Sostenere le piccole banche: La tappa 4 del Global Walkout , annunciata il 25 settembre, chiede ai partecipanti di sostenere le banche più piccole spostando il maggior numero possibile di conti in una cooperativa di credito o in una banca locale.

Secondo il sito web del Global Walkout:

“Le banche più piccole sostengono maggiormente le imprese locali a conduzione familiare. Se investite il vostro denaro in queste banche, aiutate l’economia locale nel suo complesso.

“Se un numero sufficiente di persone sottrae il proprio denaro alle grandi banche, queste avranno meno controllo.

“In alcuni casi, le banche più piccole sono meno controllate dalle grandi aziende e dal governo.

“Non siamo sicuri di cosa ci riservi il futuro. Sappiamo che i globalisti stanno cercando di introdurre un’identità digitale e una società senza contanti. Questa nostra azione di per sé non può impedirlo, ma è un inizio”.

Il sito web include un opuscolo che i partecipanti possono utilizzare durante le conversazioni con il personale della nuova e della vecchia banca per spiegare perché passano a banche più piccole.

Tappa 3: Abbandonare i media principali: Annunciato il 18 settembre, la tappa 3 invitava i partecipanti a “cancellare gli abbonamenti a tutti i media principali. Cancellate le applicazioni dal vostro telefono, computer e tablet e smettete di seguire tutti i loro social media e canali YouTube. Cercate di evitare i media principali per almeno una settimana, anche quando il titolo dell’articolo è accattivante”.

Il sito web del Global Walkout include un opuscolo che i partecipanti possono condividere con altri sul “perché sia una buona idea ridurre al minimo l’uso dei media principali” e offre tre suggerimenti per realizzare la terza tappa:

  1. “Cancellate tutte le app dei media mainstream dal vostro telefono, tablet, e computer. Disdite i pagamenti mensili se siete iscritti a uno di essi.
  2. “Assicuratevi anche di eliminare o nascondere le app generiche di notizie preinstallate sul vostro telefono e sui vostri dispositivi.
  3. “Evitate il più possibile i clickbait. Sappiamo tutti che creano titoli fuorvianti. Non cliccateci sopra”.

Tappa 2: Acquistare prodotti locali: la tappa 2, annunciata l’11 settembre, chiedeva ai partecipanti di “individuare e sostenere il più possibile i negozi di alimentari e i mercati a conduzione familiare. Cercate di acquistare i prodotti coltivati localmente per sostenere le comunità agricole e i mercati della vostra zona. Se vivete in città, cercate di capire quali prodotti freschi vengono coltivati nella vostra regione”.

Il Global Walkout ha fornito questi suggerimenti:

  1. “Se avete tempo, fate una ricerca su ciò che viene coltivato nella vostra regione.
  2. “Cercate nelle drogherie locali a conduzione familiare o nei negozi di frutta e verdura. Chiedete quali sono i prodotti di provenienza locale e acquistateli.
  3. “Scoprite quando c’è il prossimo mercato nella vostra zona e con quale frequenza. Cercate di andarci il più possibile e di comprare abbastanza prodotti freschi per resistere fino al prossimo giorno di mercato.
  4. “Se iniziate una conversazione con i proprietari o il personale del negozio, dite loro perché siete lì e perché vi state sforzando di fare acquisti. È un ottimo spunto di conversazione e lo apprezzeranno”.

Il sito web include anche un opuscolo che i partecipanti possono condividere con gli altri per spiegare l’importanza di sostenere gli agricoltori locali e le piccole imprese.

Tappa 1: Mantenere in vita il contante: La tappa 1, annunciata il 4 settembre, consigliava ai partecipanti di utilizzare il più possibile i contanti.

Un opuscolo stampabile suggeriva ai partecipanti di utilizzare questo spunto di conversazione: “Oggi ho pagato in contanti e a ragione“:

  1. “Per far RISPARMIARE a questa azienda i soldi sulle commissioni di transazione
  2. “Per dare a questa azienda un maggiore controllo sui propri profitti
  3. “Per SOSTENERE l’economia e la comunità locali
  4. “Per mantenere anonimi i miei acquisti e la mia posizione
  5. “Per mantenere in vita il contante!”

Il sito web ha anche offerto un opuscolo che le aziende possono utilizzare per spiegare ai clienti perché li incoraggiano a pagare in contanti:

  1. “Risparmieremo istantaneamente sulle spese di transazione.
  2. Se riusciamo a risparmiare, possiamo continuare a pagare il nostro personale e dare un contributo alla nostra comunità locale”.
  3. “Avremo un maggiore controllo sui nostri profitti.
  4. “Le piccole e medie imprese come questa sono parte integrante del mantenimento dell’economia locale e della crescita della nostra comunità.
  5. “Aiuta a mantenere in vita il contante!”